Urano vicino alla Terra e di fronte al Sole. Come e quando osservarlo nel suo massimo splendore

Domenica sera romantica: il 27 ottobre, alle 22 ora italiana, Urano passerà “vicino” alla Terra e poche ore dopo, il 28 alle 9, sarà all’opposizione con il Sole, rendendosi particolarmente visibile per svariate ore ai nostri occhi (anche se meglio con un telescopio). Da non perdere.

Come spiega EarthSky, in questo periodo dell’anno il nostro Pianeta “oscilla” tra il Sole e Urano e per questo è proprio ora che possiamo osservare al meglio il settimo pianeta del Sistema Solare. Inoltre questo passerà a “soli” 2,82 miliardi di km dalla Terra contro una media di 3. Illuminato poi direttamente da Sole con il quale sarà all’opposizione, sarà visibile per tutta la notte (più alto intorno a mezzanotte), tramontando ad ovest all’alba.

E sarà talmente “luminoso” da poter addirittura sperare di vederlo a occhio nudo (lontani da fonti di inquinamento luminoso), cosa rarissima per un pianeta generalmente non più luminoso delle stelle meno luminose del firmamento. L’utilizzo del telescopio, comunque, assicurerà lo spettacolo, tempo permettendo.

Basterà alzare gli occhi al cielo verso la costellazione dell’Ariete, sull’orizzonte a sud-est, e puntare gli occhi verso Urano, sospeso vicino al confine con i Pesci (nella mappa il cielo del 27 ottobre alle 22 circa, picco dell’avvicinamento al nostro Pianeta).

urano 27 ottobre 2019

Ma ricordiamoci che la notte tra il 26 e il 27 ottobre tornerà l’ora solare, quindi sarà necessario spostare indietro le lancette di un’ora. Occhi al cielo!

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook