©sripfoto/123rf

Tris di astri circondati di stelle cadenti: il triangolo Luna – Giove – Saturno in una cornice di Tauridi illumina il cielo di novembre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Imperdibile spettacolo celeste in arrivo: il tris Luna – Giove – Saturno circondato di stelle cadenti, tempo permettendo, illuminerà il firmamento nel “mese più autunnale dell’anno”.

Novembre – lo sappiamo – è generalmente molto piovoso ed è probabilmente il primo mese in cui dalle nostre parti si inizia a sentire “aria di inverno”, con le temperature che tendono ora ad andare in picchiata.

Ma il cielo può sempre “consolarci”: il prossimo 11 novembre, quando si ricorda la famigerata ‘Estate di San Martino’, apparirà il cielo il triangolo Luna – Giove – Saturno, un suggestivo incontro tra tre astri, con il nostro satellite al Primo Quarto, tutti riuniti nella costellazione del Capricorno.

Leggi anche: Estate di San Martino: la leggenda popolare che diventa realtà

Ma non finisce qui, perché il 12 del mese è atteso il picco delle Tauridi nord, componente settentrionale del sistema complesso delle Tauridi, originate dalla cometa Encke e da detriti asteroidali.

Particolarmente attive in realtà dal 5 al 20 di novembre, offriranno un radiante (nella costellazione del Toro da cui il nome dello sciame), osservabile per tutta la notte già dalla fine del crepuscolo serale.

luna-giove-saturno e tauridi novembre 2021

©Stellarium

Le notti dell’11/12 e 12/13 novembre di picco quest’anno saranno favorevoli all’osservazione, dato che la Luna, pur essendo al 55% di visibilità, tramonterà poco dopo il termine del crepuscolo serale. L’11, quindi, non sarà difficile ammirare il triangolo celeste insieme a qualche stella cadente (nella mappa il cielo dell’11 novembre alle 19:30 circa).

Occhio però: il triangolo sarà sull’orizzonte Sud – Sud-Ovest, mentre il radiante delle Tauridi Nord è localizzato a Est, quindi teniamoci pronti ad uno sguardo ampio del firmamento.

Ma per i desideri iniziamo a prepararci prima, perché tra il 7 e l’8 del mese, notte che corrisponde più o meno al nodo orbitale originario della cometa, potrebbe essere osservata la maggior frequenza delle Tauridi più luminose.

Settimana da non perdere!

Fonti: UAI / UAI meteore

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook