Scoperta una super Terra vicino a una delle stelle più antiche della nostra galassia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ una rarità, una super Terra calda e rocciosa che orbita attorno a una delle stelle più antiche della nostra galassia. Ad avvistarla per la prima volta è stato un team internazionale di scienziati.

Questa “super Terra” calda e roccios, chiamata TOI-561b, ha colto di sorpresa il team di scienziati in cerca di pianeti. Essa è circa il 50% più grande della Terra, ma richiede meno di mezza giornata per orbitare attorno alla sua stella. Secondo le osservazioni, essa ruota attorno alla sua stella due volte in 24 ore.

“Per ogni giorno che sei sulla Terra, questo pianeta orbita attorno alla sua stella due volte”, ha detto Stephen Kane, l’astrofisico planetario dell’Università della California Riverside e membro del team che l’ha scoperta.

La sua orbita è così stretta per via della vicinanza del pianeta alla sua stella, che crea anche un clima infernale. La temperatura superficiale media stimata è di oltre 2.000 gradi Kelvin (circa 1700°C). Impossibile che possa ospitare la vita come la conosciamo oggi, ma non è escluso che in passato non lo abbia fatto.

Inoltre, sebbene il pianeta abbia circa tre volte la massa della Terra, il team ha calcolato che la sua densità è la stessa del nostro pianeta.

“Questo è sorprendente perché ti aspetteresti che sia più alta. Questo è coerente con l’idea che il pianeta sia estremamente antico.”

Più vecchio è un pianeta, meno denso sarà probabilmente perché non erano disponibili tanti elementi pesanti quando si è formato. Tali elementi sono prodotti dalle reazioni di fusione nelle stelle mentre invecchiano. Alla fine le stelle esplodono, disperdendoli e da essi si formeranno nuove stelle e pianeti.

La scoperta di TOI-561b e le osservazioni aggiuntive fatte dal team sulla sua composizione sono state accettate per la pubblicazione sull’Astronomical Journal. Il suo nome è legato allo strumento che ne ha permesso la scoperta sul Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA (TESS Object of Interest – TOI). Inoltre ha un’altra particolarità: essa orbita attorno a una stella che presenta meno elementi pesanti come il ferro o il magnesio rispetto alle altre.

“TOI-561b è uno dei più antichi pianeti rocciosi mai scoperti”, ha detto Lauren Weiss, borsista post-dottorato e team leader dell’Università delle Hawaii. “La sua esistenza mostra che l’universo ha formato pianeti rocciosi quasi dal suo inizio 14 miliardi di anni fa”.

Secondo gli scienziati, le informazioni sull’interno di un pianeta potrebbero dare informazioni sulla loro possibile abitabilità.

“Anche se è improbabile che questo particolare pianeta sia abitato oggi, potrebbe essere un presagio di molti mondi rocciosi ancora da scoprire attorno alle stelle più antiche della nostra galassia” ha concluso Kane.

Fonti di riferimento: University of California Riverside, Astronomical Journal

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook