123rf

Tutto pronto per ammirare l’ultima “superluna” del 2021: è la luna piena della fragola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 2021 sembra essere l’anno dei fenomeni celesti unici e sorprendenti. Dopo la superluna rosa di aprile e la superluna di sangue di maggio, giugno regalerà la luna piena della fragola. Sarà il primo plenilunio dell’estate. 

Oggi 24 giugno, la luna della fragola sarà visibile da tutta l’Italia a partire dalle 20.40. Da molti definita come “superluna” della fragola, in realtà non sarà abbastanza vicina da essere considerata esattamente come tale, ma è solo per una manciata di km. Essa infatti si troverà a circa 366mila km dalla Terra, mentre invece per essere considerata tale deve trovarsi a una distanza pari o inferiore a 363mila km. Una manciata di chilometri, un’inezia per le distanze celesti.

Non è un caso che la stessa Nasa l’abbia definita superluna, precisando però:

Sebbene la superluna non sia un termine astronomico ufficiale, è tipicamente usata per descrivere una Luna piena che si trova entro almeno il 90% del perigeo. In questa fase, la Luna appare più grande e luminosa del solito. 

A rendere particolare questa luna piena sono i suoi tanti nomi, derivanti dalla tradizione dei nativi americani ma anche da quella europea. Il termine “luna di fragole” deriva dalle tribù algonchini negli Stati Uniti nord-orientali e fa riferimento alle stagioni di raccolta per le fragole, che cadevano nel mese di giugno. In Europa, la luna piena di giugno veniva chiamata “luna di miele”.

La luna piena di giugno è anche l’ultima luna piena della primavera o la prima luna piena dell’estate, come accade quest’anno visto che il solstizio è stato il 21 giugno e il plenilunio il 24.

La luna di fragola sarà visibile da tutta l’Italia a partire dalle 20.40 del 24 giugno. Uno spettacolo da non perdere!

Fonti di riferimento: NasaUai

LEGGI anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook