Gemidi, stanotte la pioggia di stelle cadenti invernali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa notte, dopo le 24, potremo assistere al passaggio delle Geminidi, le stelle cadenti invernali, che ogni anno, a metà del mese di dicembre, nel loro passaggio si avvicinano alla Terra, lasciandoci a bocca spalancata per lo spettacolo che ci regalano.

Caratterizzate da una grande “lentezza”, tali meteore sono più visibili rispetto ad altri sciami, come quello delle Leonidi, il cui passaggio è avvenuto lo scorso 18 novembre ad una velocità di 210 mila chilometri orari. Proprio la scarsa velocità con cui le Geminidi entreranno nell’atmosfera terrestre ci consentirà, condizioni climatiche permettendo, di vederle chiaramente.

Tuttavia, un ostacolo per la loro visione sarà provocato dalla Luna, che sorgerà attorno alle 22, ed essendo nella sua fase di plenilunio, con la sua luce rischiarerà il cielo, rendendo meno visibili i frammenti più piccoli.

Ciononostante, secondo l’Istituto nazionale di Astrofisica, basterà attendere lo scoccare della mazzanotte quando la zona di cielo corrispondente ai Gemelli sarà molto alta in cielo e nel contempo la Luna sarà tramontata, rendendo minimo il suo disturbo luminoso”.

A quel punto, se saremo fortunati e pazienti, riusciremo a vedere fino a 100 meteore in un’ora. Un’altra caratteristica contraddistingue le Geminidi, il cui nome, come per le altre stelle cadenti, deriva dalla costellazione da cui si irradiano (in questo caso quella dei Gemelli). Non si tratta dei frammenti di una cometa, come per gli altri sciami meteorici. In questo caso, i frammenti che si incendiano a contatto con l’atmosfera della Terra provengono dall’asteroide 3200 Phaeton, il più vicino al Sole visto che la sua orbita è interna anche a quella di Mercurio.

L’asteroide fu scoperto di recente, nel 1983. Si pensa che in tempi remoti si sia scontrato con un altro corpo celeste al di là dell’orbita di Marte, e i frammenti di detriti che vedremo questa notte non sarebbero altro che i resti di quel lontanissimo impatto.

L’appuntamento per gli appassionati è a mezzanotte, quando si potranno ammirare più chiaramente le stelle cadenti invernali, le ultime per il 2011.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook