Solstizio d’estate: la Nasa lo celebra scegliendo come foto del giorno la spiaggia di Montalbano

Analemma

Un collage di tramonti in Sicilia, scattati sempre alla stessa ora per circa un anno, con vista su una delle spiagge di Montalbano, dal solstizio d’estate 2018 a quello del 2019. Il risultato è riassunto in un’immagine bellissima, che ha lasciato a bocca aperta anche la Nasa. Quest’ultima l’ha scelta come foto del giorno per celebrare il Solstizio d’estate 2019.

L’autrice è la siciliana Marcella Giulia Pace dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). Appassionata di astronomia e di fotografia, Marcella ha immortalato il sole ogni 10 giorni, sempre alle 16.45 ora italiana, dal 21 giugno 2018 al 7 giugno 2019. L’ora è quella del tramonto più anticipato dell’anno, prossimo al solstizio d’inverno.

Anche il luogo è rimasto sempre lo stesso. La postazione di scatto è d’eccezione: contrada Gatto Corvino, a due passi da Marina di Ragusa e da Punta Secca, il tratto di costa reso celebre da Montalbano. A Punta Secca sorge infatti la casa del commissario inventato dalla penna di Andrea Camilleri.

Il risultato ha un nome ben preciso, si chiama analemma e ricorda romanticamente il simbolo dell’infinito, o un 8 se vogliamo, con un circolo più grande dell’altro.

Perché l’analemma di Marcella Giulia Pace è stato scelto come simbolo del solstizio d’estate?

Oggi alle 15:54 UT l’estate farà ufficialmente il proprio ingresso, col solstizio. In quel preciso momento, il Sole raggiungerà la declinazione più settentrionale nel suo viaggio annuale, dal nostro punto di osservazione.

In altre parole, durante il solstizio d’estate la nostra stella si troverà nel punto più a nord dell’analemma mentre durante il solstizio d’inverno sarà nel punto più basso.

 

Da qui la scelta della Nasa, che ha voluto mostrare attraverso l’immagine di Marcella Giulia Pace il cammino del sole in cielo durante un anno. È chiaro che anche se parliamo di “sole in cammino”, è il nostro pianeta a muoversi intorno alla nostra stella seguendo un’orbita ellittica. Di conseguenza giorno per giorno (anzi minuto per minuto) la sua apparente posizione cambia.

“Fotografando il Sole alle 4:45 pm (ora solare), sarebbe naturale pensare che le estremità corrispondano al Sole in corrispondenza dei 2 solstizi. In realtà, agli apici troviamo rispettivamente il Sole dei primi di dicembre in basso e il Sole di fine giugno o inizio luglio in alto: cioè il primo e l’ultimo tramonto dell’anno. Questa discrepanza si spiega considerando sia l’inclinazione dell’eclittica, sia la legge di Keplero: la Terra descrive un’orbita ellittica attorno al Sole e, in base alla distanza dal Sole durante la sua rivoluzione, si muove più o meno velocemente. Afelio e Perielio si trovano rispettivamente vicino ai solstizi” spiega l’Uai.

Un mix di tramonti a dir poco suggestivo…

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: Marcella Giulia Pace via UAI

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

corsi pagamento

seguici su facebook