Scoperto un minerale alieno mai visto sulla Terra: era nascosto in un meteorite

Meteorite con minerale alieno

Il meteorite Wedderburn torna a far parlare di sé: al suo interno è stato trovato un carburo di ferro mai visto prima d’ora in natura, che prende il nome di Edscottite.

Il meteorite era stato trovato nel lontano 1951 proprio a Wedderburn, città australiana, pesava 210 grammi e al suo interno presentava tracce di oro, camacite, schreibersite, taenite, troilite, tutti minerali rari sul nostro Pianeta.

Per anni i ricercatori hanno cercato di svelarne i segreti e di identificare la sua composizione, tant’è che dell’esemplare originale ormai rimane un terzo, e ora arriva questa nuova scoperta che ha dell’incredibile.

Perché il minerale individuato, chiamato Edscottite in onore dell’esperto di meteoriti Edward Scott dell’Università delle Hawaii, subito inserito nell’elenco dei minerali riconosciuti dall’International Mineralogical Association (Ima), sulla Terra non aveva mai fatto la sua comparsa prima d’ora allo stato naturale ma era stato formulato solo sinteticamente dagli scienziati.

La scoperta si deve al mineralogista Chi Ma e al collega Alan Rubin del California Institute of Technology (Caltech), il cui studio è stato pubblicato sulla rivista American Mineralogist.

Un minerale prezioso proprio perché mai rinvenuto in natura, definito dagli esperti “alieno”, una forma rara di carburo di ferro, forse nato da una collisione cosmica avvenuta tra un antico pianeta e un altro corpo celeste.

Secondo quanto ha dichiarato Geoffrey Bonney della Australian National University a The Age, il meteorite che lo contiene potrebbe proprio arrivare dal cuore di questo lontano pianeta.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Museum Victoria

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

tuvali
seguici su Facebook