Satellite UARS in caduta sulla Terra. Impatto previsto per venerdì 23

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Terra è minacciata da un satellite che starebbe precipitando proprio in direzione del nostro Pianeta. L’impatto dovrebbe avvenire il prossimo 23 settembre. Si parla spesso della miriade di rifiuti spaziali che circolano liberamente nell’universo e che potrebbero cadere sul nostro pianeta provocando danni incalcolabili. Oggi arriva la notizia che tutti temevano: venerdì prossimo un vecchio satellite del peso di ben 7 tonnellate rischia di cadere sulla superficie terrestre a seguito di un impatto avvenuto in orbita e questo preoccupa non poco gli esperti della Nasa.

Si tratta di Upper Atmosphere Research Satellite (Uars), il satellite lanciato in orbita nel 1991 e inattivo dal 2005 che misurava la concentrazione di gas nell’atmosfera superiore. È a esso che dobbiamo la dimostrazione oggettiva dell’impatto dei Clorofluorocarburi nell’apertura del buco nell’ozono.

Oggi però è a tutti gli effetti un rifiuto spaziale, che vaga insieme a miliardi di altre particelle e materiali inutilizzati e la paura è che – nel suo movimento e nell’impatto con la nostra atmosfera che subirà tra qualche giorno – non si distrugga completamente, lasciando cadere dei detriti sulla Terra. Gli scienziati della Nasa hanno calcolato che il satellite non appena si avvicinerà alla Terra si romperà in 26 pezzi e con molta probabilità “Non si disintegrerà completamente e alcuni detriti potrebbero arrivare toccare suolo“. Secondo le previsioni, però, le particelle di materiale cadranno nell’oceano, anche se al momento nessuno è in grado di stimarlo con certezza. Dove? Antartide a parte, tutti i continenti potrebbero essere colpiti dai detriti spaziali.

Ma la Nasa rassicura i cittadini dicendo che la probabilità che un frammento colpisca qualcuno è di una su 3.200, ovvero “estremamente remota”.

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook