Proxima b, scoperto il più “vicino” Pianeta simile alla Terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Proxima b ruota attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole. I telescopi dello European Southern Observatory (ESO) immortalano l’esopianeta potenzialmente abitabile più vicino a noi, che, dalle prime osservazioni, sembra possa ospitare acqua allo stato liquido sulla sua superficie.

Dista 4,2 anni luce dal sistema solare ed orbita attorno ad una nana rossa che è stata chiamata Proxima Centauri visto che è la stella più vicina al Sole in direzione della costellazione del Centauro.

Il fatto che la stella sia una nana rossa è tutto fuorchè un dettaglio. Gli astronomi stimano infatti che il pianeta, di massa circa 1,3 volte quella della Terra, si trovi a una distanza media da Proxima Centauri di 7 milioni di chilometri, molto meno di quanto il nostro pianeta disti dal Sole (circa 150 milioni di chilometri), quindi potenzialmente a clima rovente.

Ma una nana rossa è una stella poco luminosa e debole rispetto al nostro Sole, per cui Proxima b riceve un quantitativo di luce significativamente inferiore a quanto ci si aspetterebbe a quella distanza: questo fa ipotizzare anche la possibilità che sulla superficie ci sia acqua liquida, condizione necessaria alla vita come la conosciamo oggi.

LEGGI anche: KEPLER-186F: IL PRIMO PIANETA ABITABILE DAVVERO SIMILE ALLA TERRA

Guillem Anglada-Escudé, primo autore della ricerca, condotta presso la Queen Mary University of London, ha commentato:

“Sono stati trovati molti esopianeti e se ne troveranno molti altri, ma cercare e trovare un simil-Terra è stata l’esperienza di una vita per tutti noi. La storia e l’impegno di molte persone sono confluiti su questa scoperta”.

Comunque è necessario andare cauti. Per ora siamo solo nel campo delle ipotesi: saranno necessarie analisi specifiche e ricerche mirate prima di poter dire che Proxima b è effettivamente abitabile. E ancora più difficile sarà dimostrare che il corpo celeste ospita effettivamente la vita, per non parlare degli sforzi eventualmente necessari per portare l’uomo sul pianeta.

LEGGI anche: KEPLER, LA NASA TROVA DUE SOSIA DELLA TERRA

L’uomo, quindi, non può ancora colonizzare il resto dell’Universo.

La scoperta è stata pubblicata il 24 agosto su Nature.

Roberta De Carolis

Foto: European Southern Observatory

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook