Il suggestivo fenomeno delle nuvole di madreperla che ha ispirato l’Urlo di Munch

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi di noi non conosce l’Urlo di Munch? Uno dei dipinti più noti dell’artista norvegese è contraddistinto da un viso deforme, con la bocca spalancata e l’espressione sorpresa, impaurita. Ebbene, alla base di quella paura potrebbero esserci state delle particolari nubi.

Sono le cosiddette nuvole di madreperla o madreperlacee. Secondo un team di scienziati norvegesi, Munch sarebbe stato ispirato da un cielo pieno di queste nubi, un fenomeno raro e indimenticabile.

Le nubi madreperlacee si formano nella stratosfera ad altezze che variano tra 15.000 e 25.000 m sul livello del mare. Esse nascono con temperature sotto −78 °C, valori che si raggiungono nella bassa stratosfera durante l‘inverno polare.

Queste temperature sono poco frequenti nell’emisfero settentrionale dove però possono formarsi a causa di onde sottovento che provengono dalle alte montagne. È probabile che forti venti in quota e profonde depressioni ne favoriscano la formazione.

A causa della loro altitudine e della curvatura della Terra, le nubi madreperlacee ricevono la luce solare da sotto l’orizzonte e sono osservabili prima dell’alba o dopo il tramonto. I colori derivano dalla combinazione della luce del sole sui piccoli cristalli di ghiaccio.

nubi madreperla

“Le nuvole di madreperla appaiono irregolarmente nella stratosfera invernale alle alte latitudini nordiche, circa 20-30 km sopra la superficie della Terra”, hanno spiegato i ricercatori in occasione della presentazione all’Assemblea Generale dell’Unione Europea delle Geoscienze (EGU). “La gamma di dimensioni delle particelle di nuvole è vicina a quella della luce visibile, e ciò spiega i loro straordinari colori. Noi sosteniamo che il pittore norvegese Edvard Munch fosse terrorizzato dopo aver visto il cielo farsi improvvisamente ‘rosso sangue’ dopo il tramonto. È molto probabile che si siano formate le nuvole di madreperla”.

Secondo queste nuove ipotesi, l’artista si sarebbe ispirato a quell’evento per realizzare il suo celebre dipinto, dove dietro la figura umana il cielo è attraversato da linee ondulate e colorate, tendenti al rosso e al giallo.

urlo munch

LEGGI anche: DA ASPERITAS A CAVUM: 11 ‘NUOVÈ MERAVIGLIOSE NUVOLE (FOTO)

LEGGI anche: NEL CIELO APPARE UNO SPETTACOLARE ARCOBALENO CAPOVOLTO (FOTO)

Tuttavia, secondo altre teorie, l’artista da anni osservava i tramonti colorati che seguirono l’eruzione del vulcano Krakatoa nel 1883, circa 10 prima della realizzazione della prima versione dell’Urlo.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook