Il nono Pianeta del Sistema Solare esiste davvero, secondo la Nasa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Planet 9: potrebbe essere venti volte più lontano di Nettuno il nono pianeta del Sistema Solare, ma abilmente nascondersi dietro di questo, rendendosi invisibile ai telescopi. Secondo la Nasa la sua presenza è altamente probabile, ma gli esperti oggi sostengono che potrebbe essere molto difficile “inquadrarlo” a causa della sua posizione “scomoda”.

Il Sistema Solare è composto attualmente da 8 pianeti (4 gassosi e 4 rocciosi), 5 pianeti nani (tra cui Plutone, riconosciuto come tale nel 2006), i rispettivi satelliti naturali (tra i quali la nostra Luna) e molti altri corpi celesti minori. Ma potrebbe avere un fratello “timido” in più.

Questo pianeta infatti disterebbe 600 unità astronomiche (ovvero 600 volte la distanza tra la Terra e il Sole), quindi circa 90 miliardi di chilometri. A questa distanza i suoi “segnali di rilevabilità” sarebbero sarebbero 160.000 volte più deboli di quelli di Nettuno.

Kevin Luhman, astronomo della Pennsylvania State University, ha dichiarato al Washington Post che a 1.000 unità astronomiche un eventuale corpo celeste sarebbe un “muro di mattoni” (ovvero per nulla luminoso), quasi impossibile vedere con l’attuale tecnologia.

Ma la Nasa è certa che questo pianeta esiste. Già l’anno scorso gli astronomi insistevano su questo punto, sostenendo che esistono 5 osservazioni che non potrebbero essere spiegate attualmente in altro modo se non con l’esistenza di questo nono pianeta, il quale potrebbe avere una massa anche 10 volte superiore a quella della Terra.

L’affermazione seguiva i calcoli matematici effettuati l’anno precedente dalla California Institute of Technology (Caltech), che ne dimostrava l’esistenza solo per via indiretta, senza aver avuto la possibilità di “inquadrarlo sul serio”.

Quindi Planet 9 c’è ma non si vede. D’altronde sarebbe un pianeta che impiega tra i 10.000 e i 20.000 anni per compiere un’orbita completa attorno alla nostra stella contro i nostri 365 giorni e che non sembra proprio volersi mostrare, a meno che la nostra tecnologia non migliori sensibilmente.

Ma forse, chissà, è un bene per lui essere così distante da noi.

Roberta De Carolis

Foto: Come potrebbe essere il nono pianeta – Credit: ESO/Tom Ruen/nagualdesign via Nasa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook