Scattata la prima foto ad un pianeta appena nato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Catturata per la prima volta l’immagine di un pianeta appena nato: l’incredibile “fotografia” è stata scattata da un gruppo di ricerca guidato dal Max Planck Institute for Astronomy di Heidelberg (Germania) e ha immortalato una formazione planetaria intorno alla giovane stella nana PDS70, grazie allo Sphere, sofisticato strumento installato sul Very Large Telescope (Vlt) dell’European Southern Observatory (Eso).

Il telescopio Vlt ha “catturato” l’esopianeta (pianeta non del Sistema Solare), che, in analogia alla sua stella, è stato chiamato PDS70b, e Sphere ha consentito la misura della sua luminosità a diverse lunghezze d’onda, in modo da poterne derivare alcune proprietà dell’atmosfera.

In altre parole ha analizzato la capacità del pianeta di assorbire/emettere luce in base alla luce irradiante e questo ha permesso di capire quali raggi sono “permessi” e quali no, da cui utili informazioni sulla sua composizione chimica. In questo modo si è anche dedotta la presenza di nubi.

E non è un fake: il pianeta si distingue infatti chiaramente nelle nuove osservazioni, sostengono gli astronomi, visibile come un punto brillante alla destra del centro oscurato dell’immagine. La “fotocamera spaziale” è equipaggiata infatti con un coronografo, una sorta di maschera che blocca la luce accecante della stella centrale, consentendo così l’individuazione del disco luminoso, molto più debole, così come gli altri pianeti intorno.

Si sa già inoltre che si trova a tre miliardi di chilometri dalla stella centrale, circa la distanza tra Urano e il Sole, che può essere classificato come un pianeta gigante gassoso, con una massa pari ad alcune volte quella di Giove, e che la sua superficie raggiunge temperature dell’ordine di 1000°C, rendendolo molto più caldo di qualsiasi pianeta del Sistema Solare (e quindi decisamente inospitale).

“Questa scoperta ci offre un’opportunità senza precedenti per testare i modelli teorici sulla formazione dei pianeti” spiega André Müller, coautore della ricerca.

Sulla nascita dell’Universo, infatti, ci sono solo molte teorie, alcune più accreditate, ma scarse “prove”. Fotografare la nascita di un pianeta può essere un imperdibile punto di partenza per nuove indagini e maggiori certezze.

Il lavoro è stato pubblicato su Astronomy & Astrophysics.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Foto: ESO/A. Müller, MPIA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook