Altro tris di stelle cadenti in queste notti: come osservare le ultime meteore di luglio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo tris di meteore in queste sere ci farà compagnia. Una pioggia di stelle per chiudere in bellezza il mese di luglio prima di ammirare lo spettacolo delle Perseidi della notte di San Lorenzo.

Un finale col botto. Già questa sera potremo ammirare le Piscidi Australi. Note già metà dell’800, queste meteore non sono molto semplici da individuare dalle nostre latitudini. Bisognerà faticare un po’ aspettando che il radiante, ossia il punto da cui sembra originarsi, sia alto nel cielo all’alba.

Il loro “passaggio” sarà visibile dall’01.00 della notte tra il 28 e il 29 luglio, quando si avrà il momento di maggiore attività.

Attenti alla luna. Il nostro satellite, che si sta avvicinando al plenilunio, renderà il cielo fin troppo luminoso disturbando lo spettacolo ma dalle 2 in poi tramonterà lasciando il palcoscenico alle Piscidi Australi.

pisciAu

Toccherà poi alle Cignidi, visibili sempre la notte tra il 28 e il 29 luglio. In questo caso, bisognerà guardare verso la costellazione del Cigno ma sempre nella seconda parte della notte. Spiega l’Uai che le Cignidi sono tuttora allo studio, in modo da definire con certezza le loro caratteristiche.

aquaridiCignidi

Altre ospiti illustri della notte tra il 29 e il 30 luglio saranno le delta Aquaridi. Queste meteore sembrano originarsi dalla costellazione dell’Acquario, da cui prendono il nome e saranno osservabili da mezzanotte all’alba. Come per il precedente sciame, sarà meglio attendere che la luna vada a dormire per sperare di vedere qualche bella stella cadente.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

STELLE CADENTI: DA STASERA TRE SCIAMI DI METEORE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook