@123rf/kmiragaya

Ormai ci siamo: questa notte ammireremo la splendida Luna piena del cervoin

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa notte ammireremo la luna piena del cervo. Così viene definito il plenilunio che cade nel mese di luglio. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla seconda luna piena dell’estate

Il 24 luglio alle 4.37 ora italiana la luna sarà piena. Se le condizioni meteo saranno a favore e il cielo sarà privo di nuvole, avremo un’altra bella occasione per ammirare le bellezze del cielo. Ancora una volta la protagonista sarà la luna, che raggiungerà il massimo splendore il prossimo sabato.

Come tutte le altre lune piene, anche quella di luglio ha un “soprannome”, assegnato da varie tradizioni popolari, da quella delle tribù di nativi americani a quelle assegnate dalla tradizione europea.

Il nome più noto associato al plenilunio di luglio è luna piena del cervo. Questa definizione, voluta dai nativi, risalirebbe al fatto che in questo periodo dell’anno ai cervi crescono le nuove corna. Secondo l’Almanacco dell’Antico Contadino, il motivo per cui si chiama Buck Moon è che in questo periodo dell’anno ai cervi maschi crescono le corna da adulti.

Ma non si tratta dell’unico nome. Essa veniva definita anche Luna dei temporali che in questa stagione sul continente americano tendevano a essere più frequenti.  O ancora la tribù dei Cree la chiamava la Luna Muta, i Tlingit si riferiscono ad essa come la Luna di Salmone, gli Anishinaabe la chiamano luna di bacche, gli Algonchini e gli Ojibwe preferiscono la Luna di Lampone. 

Tanti nomi per un unico, bellissimo evento.

Fonti di riferimento: Uai

Seguici su TelegramInstagram  |Facebook |TikTok |Youtube

LEGGI anche: 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook