Luna del mais: l’orario migliore per ammirare la “strana” luna piena che non si verifica da 3 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi per la prima volta dopo tre anni la luna piena di settembre sarà in una situazione davvero unica: essa infatti cade così presto nel mese di settembre da non essere classificabile come “luna del raccolto”. Ma non solo. Creerà le condizioni per un altro evento eccezionale: la luna blu del mese di ottobre.

Quella di oggi 2 settembre  sarà una luna piena degna di nota. Solitamente, il plenilunio di settembre viene definito “del raccolto” perché secondo la tradizione tramandata dai nativi americani, essa cade nel periodo di raccolta del grano e del mais, che, grazie al chiaro di Luna, poteva continuare anche di notte.

Tale luna piena dunque era molto amata perché forniva aiuto durante le ore notturne. Come spiega la Nasa, i nomi delle Lune Piene sono in gran parte attribuiti alla tribù degli Algonchini, la più numerosa, ma questa non era l’unica e infatti altre tradizioni si affiancano e a volte si sovrappongono: la Luna del Raccolto è chiamata anche Luna del Mais, perché uno dei prodotti di settembre era proprio il mais. Dalla tradizione alla scienza, così veniva definita la luna piena più vicina all’equinozio di autunno.

Tuttavia, nel 2020 non avremo alcuna luna del raccolto a settembre, visto che l’equinozio quest’anno si verificherà il 22 alle 13.31 circa, ora italiana. Per questo, tale definizione sarà data alla luna piena  del 1° ottobre.

Questa settimana, per la prima volta in tre anni dunque, la luna piena di settembre si trova in una situazione unica: sta cadendo così presto – un momento che gli dà un nome completamente diverso, la luna del mais, invece della luna del raccolto – che pone le basi per avere due lune piene a ottobre. Per ammirarla dovremo affacciarci alla finestra dalle 20.20 circa quando la luna sorgerà tra le prime luci della sera.

La luna piena di settembre prepara il terreno per la luna blu di…Halloween

La presenza del plenilunio agli albori del mese di settembre infatti crea le condizioni per ammirare ben due lune piene il mese prossimo, una il 1° ottobre, come anticipato, e l’altra il 31. Ciò significa che ad Halloween ammireremo una rara luna blu. Al di là dell’aggettivo, il nostro satellite naturale non cambierà colore. Sarà bianco. Tale definizione infatti riguarda solo la sua presunta rarità, derivante dall’espressione inglese “once in a blue moon” (“una volta ogni luna blu”) che indica qualcosa che non si verifica  comunemente (anche se in realtà questo fenomeno avviene ogni 3-5 anni).

Originariamente questo nome era assegnato alla terza luna piena in una stagione che ne contiene quattro (la prossima di questo tipo è attesa il 22 agosto 2021). Ma di recente viene usata anche per indicare la seconda luna piena nello stesso mese. Proprio come succederà a ottobre.

Prepariamoci ad ammirare la bellezza del nostro satellite naturale, a occhio nudo o con un telescopio, per ben due volte in un mese.

Fonti di riferimento: Nasa, LiveScience

LEGGI anche:

Calendario lunare 2020: ecco cosa ci regalerà la Luna quest’anno, mese per mese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook