Kepler-22b: scoperto il pianeta “gemello” della Terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Kepler-22B, si trova a 600 anni luce dal nostro pianeta, ma è stato ribattezzato ‘il gemello dello Terra’: si trova a una distanza dal suo sole molto simile a quella terrestre, tale da poter avere acqua liquida, un raggio due volte e mezzo più grande e un anno di 290 giorni.

Lo ha scoperto la Nasa, che lo ha già candidato a pianeta più “vivibile” del cosmo (in grado cioè di ospitare la vita), grazie all’omonimo satellite e con l’ausilio di un sensibilissimo fotometro in grado di misurare le piccole variazioni della luminosità delle stelle.

”Questa e’ una pietra miliare lungo la strada per trovare il gemello della Terra”, ha dichiarato Douglas Hudgins, uno dei responsabili della missione Kepler – un programma per la ricerca di pianeti extrasolari -, ricercatore dell’agenzia spaziale americana.

Gli esperti, tuttavia, non hanno potuto ancora appurare se Keplero-22b abbia una composizione di genere gassosa, come Giove o Nettuno, o rocciosa, come la Terra appunto, o Marte. La sua individuazione resta uno step di estrema importanza verso la ricerca di pianeti abitabili nell’Universo.

kepler22_pianeta_gemello

Siamo stati molto fortunati a identificare questo corpo celeste“, ha commentato William Borucki, responsabile di Kepler al centro di ricerca Ames a Moffett Field, in California. “Abbiamo osservato il suo transito appena tre giorni dopo aver iniziato le osservazioni“.

La missione Kepler è un programma di ricerca astronomica che usa un satellite artificiale, chiamato Kepler, costituito da un fotometro e messo in un’orbita eliocentrica parzialmente sovrapposta a quella terrestre. Il dispositivo è stato correttamente lanciato in orbita da Cape Canaveral alle 3:49 UTC del 7 marzo 2009, ed è in grado di osservare la luminosità di oltre 100.000 stelle per più di quattro anni, con l’obiettivo di individuare pianeti simili alla Terra attraverso il metodo del transito.

AR

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook