La Grande Nube di Magellano entrerà in collisione con la Via Lattea

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra due miliardi di anni, la Via Lattea potrebbe scontrarsi con la Grande Nube di Magellano. Una collisione intergalattica spaventosa che potrebbe spingere via il nostro sistema solare a gran velocità nello spazio.

Lo rivela un nuovo studio condotto dagli scienziati della Durham University. La Grande Nube di Magellano è la più luminosa galassia satellite della Via Lattea ed è arrivata dalle nostre parti circa 1,5 miliardi di anni fa. Oggi si trova a circa 163.000 anni luce da noi.

Fino a poco tempo fa, gli astronomi pensavano che sarebbe rimasta in orbita attorno alla Via Lattea per molti miliardi di anni, o, visto che che si muove molto velocemente, sarebbe sfuggita alla forza gravitazionale della nostra galassia.

Eppure essa ha quasi il doppio della materia oscura rispetto a quanto stimato finora. I ricercatori sostengono che poiché ha una massa più grande del previsto, la galassia sta rapidamente perdendo energia ed è destinata a entrare in collisione con la Via Lattea, con conseguenze importanti per il nostro Sistema Solare.

La Grande Nube di Magellano potrebbe colpire la nostra galassia tra 2 miliardi di anni, molto prima dell’impatto previsto tra la Via Lattea e un’altra vicina di quartiere, Andromeda, che secondo gli scienziati si scontrerebbe con la nostra galassia tra 8 miliardi di anni.

Lo scontro tra la Via Lattea e la Grande Nube di Magellano potrebbe anche svegliare il nostro buco nero dormiente, che a quel punto comincerebbe a divorare gas circostante e ad aumentare di dimensioni fino a dieci volte. Alimentandosi, emetterebbe radiazioni ad alta energia che potrebbero far precipitare il nostro Sistema Solare nello spazio.

Il Dott. Marius Cautun, ricercatore capo per l’Istituto di cosmologia computazionale, ha spiegato:

“C’è una piccola possibilità secondo cui non potremmo sfuggire indenni dalla collisione tra le due galassie, che potrebbe buttarci fuori dalla Via Lattea e nello spazio”.

Anche se nessuno di noi assisterà all’evento, la collisione tra la Grande Nube di Magellano e la Via Lattea potrebbe essere spettacolare. Carlos Frenk, coautore del lavoro e direttore dell’Icc, ha spiegato:

“Per quanto sia bello, il nostro universo è in continua evoluzione, spesso attraverso eventi violenti come la prossima collisione con la Grande Nube di Magellano. Se si esclude una fine disastrosa per il Sistema solare, i nostri discendenti, se saranno ancora presenti, avranno un gran regalo: una spettacolare esibizione di fuochi d’artificio cosmici mentre il buco nero supermassiccio appena risvegliato al centro della nostra galassia reagirà emettendo getti di radiazioni energetiche estremamente luminose”.

Non si tratta di un evento anomalo, anzi. La fusione tra galassie è molto frequente e quella tra la Via Lattea e la Grande Nube di Magellano è attesa da tempo.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: NASA, ESA, S. Beckwith (STScI), and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook