Gli scienziati scoprono che l’esopianeta scomparso era solo una “discarica di rifiuti” di asteroidi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era stato scambiato per un esopianeta, un corpo roccioso che orbitava attorno alla propria stella al di fuori del nostro sistema solare ma così non è. Si trattava infatti di una nuvola di polvere prodotta probabilmente da una collisione di comete. Una sorta di “discarica di rifiuti” di asteroide.

Cattive notizie dall’universo. L’esopianeta Fomalhaut b probabilmente non è mai esistito. A dirlo è un nuovo studio condotto dagli astronomi dell’Università dell’Arizona sulla base delle informazioni fornite dal Telescopio spaziale Hubble. L’analisi indica infatti che potrebbe trattarsi di una vasta nuvola di polvere in espansione, probabilmente dovuta a una collisione cosmica. In altre parole, lo scontro tra alcuni corpi celesti, forse asteroidi o comete, avrebbe prodotto dei rifiuti erroneamente scambiati per Fomalhaut b.

Ciò che gli astronomi pensavano fosse un pianeta al di là del nostro sistema solare è apparentemente scomparso alla vista, suggerendo che quello era stato annunciato come uno dei primi esopianeti mai scoperti con l’osservazione diretta probabilmente non è mai esistito.

Secondo due astronomi dell’Università dell’Arizona, il telescopio spaziale Hubble della Nasa stava invece guardando una nuvola in espansione di particelle di polvere molto fini prodotte da due corpi ghiacciati che si sono schiantati l’uno contro l’altro. Hubble è arrivato troppo tardi per assistere alla sospetta collisione, ma potrebbe averne catturato le conseguenze.

Fomalhaut B, secondo l’annuncio iniziale, orbitava attorno alla stella Fomalhaut, a 25 anni luce di distanza dalla Terra.

“Queste collisioni sono estremamente rare e quindi ciò è un grosso problema di cui possiamo effettivamente vedere le prove”, ha dichiarato Andras Gaspar, assistente astronomo dello Steward Observatory dell’Università dell’Arizona e autore principale della ricerca. “Riteniamo di essere stati nel posto giusto al momento giusto e aver assistito a un evento così improbabile con il telescopio spaziale Hubble della NASA”.

“Il sistema stellare Fomalhaut è il laboratorio di prova definitivo per tutte le nostre idee su come si evolvono gli esopianeti e i sistemi stellari”, ha aggiunto George Rieke, Regents professore di astronomia dell0 Steward Observatory. “Abbiamo prove di tali collisioni in altri sistemi, ma nessuna di queste dimensioni è stata osservata nel nostro sistema solare. Questo è un modello di come i pianeti si distruggono a vicenda.”

Il sospetto esopianeta, chiamato Fomalhaut b, era stato annunciato per la prima volta nel 2008, sulla base dei dati del 2004 e del 2006. Era chiaramente visibile in diversi anni di osservazioni da parte di Hubble. Fino ad allora, le prove per gli esopianeti erano state per lo più dedotte attraverso metodi di rilevazione indiretta, come piccole oscillazioni stellari e ombre da pianeti che passavano davanti alle loro stelle.

pianeta asteroidi

©NASA, ESA, and A. Gáspár and G. Rieke (University of Arizona)

Ma Fomalhaut b sembrava speciale: a differenza di altri pianeti extrasolari appariva luminoso alla luce visibile e ciò era insolito per un esopianeta, troppo piccolo per riflettere la luce dalla sua stella ospite da essere visto dalla Terra. Allo stesso tempo, non aveva alcuna firma di calore a infrarossi rilevabile. Così, gli astronomi hanno ipotizzato che la luminosità provenisse da un enorme guscio o anello di polvere che circondava il pianeta.

“Il nostro studio, che ha analizzato tutti i dati archivistici di Hubble disponibili su Fomalhaut, ha rivelato diverse caratteristiche che insieme dipingono un quadro secondo cui l’oggetto di dimensioni planetarie potrebbe non essere mai esistito”, ha detto Gaspar.

Il team sottolinea che la prova finale è arrivata quando l’analisi dei dati delle immagini di Hubble scattate nel 2014 ha mostrato che l’oggetto era svanito, incredibilmente.

La nuvola di detriti si è espansa divenendo invisibile agli occhi di Hubble. Dato che ciò che resta di “Fomalhaut b” è attualmente all’interno di un vasto anello di detriti ghiacciati che circonda la stella Fomalhaut, i corpi in collisione probabilmente potrebbero essere una miscela di ghiaccio e polvere, simili alle comete che popolano la cosiddetta cintura di Kuiper ai confini esterni del nostro sistema solare.

Lo studio è stato pubblicato su Pnas.

Fonti di riferimento: Università dell’Arizona, Pnas, Nasa

LEGGI anche:

Trovato un esopianeta gigante con un’orbita a forma di uovo mai vista prima

Scoperto eso-pianeta in cui c’è acqua. È a 110 anni luce di distanza e “potenzialmente abitabile”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook