Equinozio di primavera 2019: perché è il 20 e non il 21 marzo

equinozio di primavera

Perché la primavera inizia il 20 marzo e non il 21? Oggi avrà luogo l’equinozio. Anche se nell’immaginario collettivo la primavera farà il suo ingresso giorno 21 ormai da tempo non è più così. Questo fenomeno astronomico sarà sempre il 20 marzo fino al 2102.

Nel 2019, l’equinozio cade il 20 marzo alle 22.58. Di fatto, la primavera arriverà con un “giorno di anticipo” rispetto alla data tradizionale ma questa stagione è arrivata in alcuni casi anche il 19 marzo.

In realtà il 2007 è stato l’ultimo anno in cui abbiamo celebrato l’inizio della bella stagione il 21 marzo. Da allora infatti la data è sempre stata quella del 20.

Fino al 2102, salvo rare eccezioni in cui cadrà il 19, la primavera nell’emisfero nord inizierà sempre il 20 marzo. Da cosa ha origine questo spostamento, che dovrebbe essere segnalato anche nei libri di scuola? Ciò è dovuto sia all’inclinazione dell Terra rispetto al proprio asse che al calendario gregoriano.

Colpa dell’inclinazione dell’asse terrestre

L’asse di rotazione della Terra è inclinato e descrive un cono durante la sua orbita intorno al sole, il moto di rivoluzione. Questo movimento apparente della stella nel cielo quindi varia durante l’anno: la Terra si avvicina al Sole per sei mesi e poi si allontana per i successivi.

L’equinozio è la data in cui il giorno ha esattamente la stessa durata della notte. Oggi alle 22:58 del 20 marzo il “centro” del sole sarà perfettamente verticale rispetto all’equatore. Di conseguenza, per via dell’inclincazione, l’ora e talvolta la data dell’equinozio variano.

…e del calendario gregoriano

A questo fenomeno cosmico si aggiunge un elemento specifico del nostro calendario, quello gregoriano adottato nel XVI secolo. Quest’ultimo non corrisponde esattamente con la durata di una rotazione della Terra attorno al Sole, pari a 365,2422 giorni poiché il calendario ne considera solo 365.

Per compensare questa leggera differenza, sono stati introdotti gli anni bisestili. Ogni quattro anni, febbraio ha un giorno in più ma questa soluzione crea un nuovo squilibrio che fa anticipare l’equinozio di primavera o lo posticipa al 21 marzo.

Teniamolo a mente per i prossimi anni. Finché vivremo, salvo casi eccezionali, la primavera inizierà sempre il 20 marzo.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Caffè Vergnano

Il caffè è più buono se riduce scarti e rifiuti puntando sulle tre R

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

tuvali
seguici su Facebook