Anello di fuoco, ecco da dove si potrà ammirare la rara eclissi parziale di Santo Stefano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le eclissi solari sono eventi rari di particolare suggestione e il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, torneranno a farci alzare gli occhi verso il cielo. È prevista infatti un’eclissi solare anulare che sarà parzialmente visibile anche in Europa.

Ma cos’è? Si tratta di un’eclissi totale in cui la luna si posiziona più lontana dalla Terra e copre il centro del Sole, mentre i bordi esterni di quest’ultimo rimangono visibili formando un anello di fuoco o un anello intorno alla luna. Non a caso il termine “anulare“, con cui la si identifica, deriva dal latino “annulus“, che significa anello.

Questa eclissi è la terza e ultima del 2019, mentre la prossima è attesa per il 10 gennaio 2020, ma sarà lunare.

Dove sarà visibile

eclissi solare

Foto: tutiempo.net

Sarà totalmente visibile agli abitanti dell’Arabia Saudita, del sud dell’India e di diverse parti dell’Indonesia mentre gli europei potranno vederla solo parzialmente e in Italia non è detto che si possa ammirare ma tentar non nuoce. L’alternativa è partire!

I luoghi migliori per osservarla sono quelli disabitati e prossimi al mare e tra le aree del mondo più consigliate ci sono Singapore, l’arcipelago di Riau per via dell’assenza di inquinamento luminoso, l’Arabia Saudita, le regioni del Kerala e Tamil Nadu in India, il nord dello Sri Lanka.

Quando vederla: orari

Quando sarà possibile vederla? In India dalle 8 IST (India Standard Time) fino alle 11:30 IST. Sulla costa occidentale avrà inizio alle 9:24 IST e terminerà alle 9:27, mentre sulla costa orientale inizierà alle 9:31 IST e avrà termine alle 9:35.

In Italia, se dovesse essere visibile almeno parzialmente, bisognerà guardare il cielo verso le 5 del mattino.

Come visualizzarla

Non tutti sanno che l’eclissi solare può essere dannosa per gli occhi e, pertanto, è opportuno indossare occhiali da sole per guardarla, dotati di filtro solare o appositamente realizzati allo scopo. Questo perché la radiazione UV può bruciare le retine causando gravi danni alla vista.

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: tutiempo.net/firstpost

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook