©Shutterstock/ AstroStar

Non perdere la più bella congiunzione di marzo: 4 pianeti saranno visibili insieme a occhio nudo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sarà uno spettacolo da non perdere. In queste ultime notti invernali, il cielo regala un altro evento che vedrà protagonisti ben 4 corpi celesti, tutti visibili a occhio nudo. Ormai manca pochissimo per ammirare lo show del cielo più importante di tutto il mese di marzo.

La notte tra il 9 e il 10 marzo vedremo 3 pianeti inseguire la luna. Giove, Saturno e Mercurio saranno letteralmente in fila e accompagneranno il sottile falcetto di luna calante. Tutti e quattro si troveranno nella costellazione del Capricorno, in una piccolissima porzione di cielo.

Un evento che non accade tutti i giorni. Anche se Giove e Saturno a dicembre ci hanno regalato una delle più belle congiunzioni degli ultimi secoli, quella del 10 marzo merita comunque di essere osservata.

A guidarci sarà la luna, ormai molto sottile visto che il 13 marzo raggiungerà la fase di novilunio. Dall’altro verso il basso noteremo poi Saturno, Giove e Mercurio. Tre pianeti distanti milioni di chilometri tra loro ma per una notte vicinissimi, per noi che li osserviamo dalla Terra.

Come ammirare la congiunzione

Per vederli dovremo mettere la sveglia. La congiuzione Luna – Giove – Saturno – Mercurio sarà visibile sull’orizzonte orientale poco prima dell’alba. La mappa che segue mostra il cielo attorno alle 5.30 del 10 marzo, quando tutti i pianeti a la luna appariranno a sud-est.

congiunzione luna giove mercurio saturno

©Stellarium/Greenme

Avremo una finestra di visualizzazione abbastanza ridotta per ammirarli visto che la luce del sole, poco dopo, nasconderà lo spettacolo ai nostri occhi.

Fonti di riferimento: Uai,

LEGGI anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook