Quell’asteroide che oggi sfiorerà la Terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggo l’asteroide 2005 YU55 si avvicinerà pericolosamente alla Terra. In Italia saranno le 23.30 circa, quando la roccia celeste passerà a 325 mila chilometri da noi, meno della distanza che intercorre tra noi e la Luna. Ma secondo gli esperti non corriamo alcuni rischio e l’asteroide passerà senza far danni.

Questa sera possiamo andare a dormire senza preoccupazioni, visto che, nonostante si tratti del più grosso corpo passato nelle nostre vicinanze e nonostante la strabiliante velocità con cui solcherà il cielo, la distanza che ci separerà basterà a tenerlo a bada.

Anzi, a sentire gli addetti ai lavori è una gran fortuna che un asteroide passi così vicino a noi, visto che è più semplice studiarne le caratteristiche quando è così vicino piuttosto che andare alla ricerca di suoi simili nell’Universo, con un grosso dispendio di tempo e denaro sacrificati sull’altare della conoscenza scientifica, di per sé molto importante per noi.

Pericolo scampato, questo è certo. Ma siete curiosi di scoprire cosa sarebbe successo se Yu55 2005 avesse “incontrato” la Terra nella sua traiettoria? Una potenza pari a 4 miliardi di tonnellate di tritolo avrebbe scatenato un terremoto di magnitudo 7 e in caso di caduta nell’oceano uno tsunami alto 100 chilometri. Ergo, la fine della vita sul nostro pianeta.

L’evento, oltre a rivestire grande importanza per il mondo scientifico, ha suscitato la curiosità anche dei non esperti, a cui si è rivolto Giovanni Valsecchi, dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma: “L’oggetto non sarà visibile a occhio nudo: potrà essere seguito grazie all’ausilio di radar, come lo statunitense Arecibo ed è probabile che verso la mezzanotte possa essere osservato anche dagli astrofili grazie all’ausilio di un telescopio professionale”.

Siamo salvi, dunque. Ma non è certo che le future generazioni possano ripetere queste due parole al prossimo passaggio ravvicinato di Yu55. Secondo la Nasa, infatti, l’asteroide ripasserà da queste parti tra circa un secolo. Allora noi non ci saremo più. Ma siamo certi che chi verrà dopo di noi, sarà ugualmente fuori pericolo?

Meglio non pensarci. E stasera, alle 23.28, se si dispone di un telescopio, vi consigliamo di approfittare dell’inusuale spettacolo.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook