L’asteroide Apophis guadagna velocità e potrebbe colpire la Terra nel 2068

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il suo passaggo ravvicinato previsto per il 2029 stava già facendo discutere ma l’asteroide Apophis torna a far parlare di se e non sono belle notizie. Questa roccia spaziale è nota da tempo ma ora un nuovo studio condotto da un astronomo dell’Università delle Hawaii ha rivelato una nuova probabilità di impatto nel 2068, tra meno di 50 anni.

Un 2020 ricco di sorprese. La nuova ricerca dell’Istituto di astronomia dell’Università delle Hawaii ha rivelato nuove scoperte critiche legate al grande asteroide che porta il nome del dio del caos, che dovrebbe passare estremamente vicino alla Terra. Lo sostiene lo scianzieto e autore della scoperta Dave Tholen che insieme ai collaboratori ha annunciato il rilevamento dell’accelerazione di Yarkovsky sull’asteroide Apophis. Questa accelerazione deriva da una forza estremamente debole su un oggetto a causa di unaradiazione termica non uniforme. Questa forza è particolarmente importante per l’asteroide Apophis, poiché influenza la probabilità di un impatto sulla Terra nel 2068.

Tutti gli asteroidi hanno bisogno usare come calore l’energia che assorbono dalla luce solare per mantenere l’equilibrio termico, un processo che cambia leggermente la loro orbita . Prima del rilevamento dell’accelerazione di Yarkovsky su Apophis, gli astronomi erano certi che un potenziale impatto con la Terra nel 2068 sarebbe stato impossibile. Certezza che ora viene meno. Il rilevamento di questo effetto su Apophis rende possibile lo scenario di impatto del 2068. Ciò non significa che certamente succederà.

Apophis aveva fatto parlare di se per il suo passaggio ravvicinato alla Terra il 13 aprile 2029, quando l’asteroide di 300 metri diventerà visibile ad occhio nudo mentre passerà a dirca 30mila km da noi, all’interno della cintura di satelliti per le comunicazioni in orbita attorno alla Terra.

“Sappiamo da tempo che un impatto con la Terra non è possibile durante l’avvicinamento ravvicinato del 2029”, ha detto Tholen, che ha seguito accuratamente il movimento di Apophis nel cielo da quando il suo team lo ha scoperto nel 2004. “Le nuove osservazioni che abbiamo ottenuto col telescopio Subaru all’inizio di quest’anno sono state così buone da rivelare l’accelerazione di Yarkovsky di Apophis, e mostrano che l’asteroide si sta allontanando da un’orbita puramente gravitazionale di circa 170 metri all’anno, il che è sufficiente a mantenere in gioco lo scenario di impatto del 2068”.

I calcoli sono stati eseguiti orbita da Davide Farnocchia del Jet Propulsion Laboratory, co-autore dello studio presentato in occasione della riunione virtuale 2020 della Divisione per le Scienze Planetarie della American Astronomical Society .

Sono in corso ulteriori osservazioni per perfezionare l’ampiezza dell’effetto Yarkovksy e il modo in cui influirà sull’orbita di Apophis. Una cosa sembra certa: gli astronomi sapranno ben prima del 2068 se c’è qualche possibilità di impatto.

Fonti di riferimento: Università delle Hawaii

LEGGI anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook