L’8 novembre la Terra “sfiora” l’asteroide 2005 Yu55

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non sono bastati i satelliti Uars e Rosat a mantenerci col fiato sospeso. Il prossimo 8 novembre l’asteroide 2005 YU55 passerà vicino alla Terra, sfiorandoci ad una velocità relativa di 14 chilometri al secondo. Ma quanto siamo a rischio? Poco, secondo gli esperti dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e della Nasa.

In queste ore, infatti gli esperti americani stanno dando avvio al monitoraggio con le antenne del Deep Space Network dell’agenzia di Goldstone, in California. Ciò che sappiamo è che l’asteroide ha un diametro di circa 400 metri, e da domani mattina sarà tenuto sotto controllo anche dal radar Arecibo.

Secondo i calcoli degli esperti, nel punto di massimo avvicinamento la roccia vagante si troverà a meno di 201.700 miglia dalla Terra, ossia a 324.600 chilometri. L’influenza gravitazionale dell’asteroide non avrà alcun effetto rilevabile sulla Terra, non saranno coinvolte le maree né le placche tettoniche. Si tratta del passaggio di un corpo celeste più “vicino” degli ultimi 200 anni, anche se possiamo contarne diversi. L’ultimo simile è avvenuto nel 1976, e il prossimo sarà nel 2028.

Mentre a noi questo genere di fenomeni incutono una certa soggezione, per gli scienziati si tratta di un’occasione per osservare da vicino gli asteroidi. Durante il monitoraggio, gli scienziati useranno le antenne di Goldstone e Arecibo per far rimbalzare le onde radio sulla roccia spaziale. E gli echi radar restituiti da 2005 YU55 saranno raccolti e analizzati. Le osservazioni radar di Arecibo riguardanti l’asteroide 2005 YU55 effettuate nel 2010 mostrano che il corpo ha approssimativamente una forma sferica, un periodo di rotazione di circa 18 ore ed una superficie scura.

Difficile da vedere ad occhio nudo. Secondo Giovanni Valsecchi, esperto di asteroidi dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Roma, il suo passaggio potrà essere seguito grazie all’ausilio di radar ma “è probabile che verso la mezzanotte possa essere osservato anche dagli astrofili grazie all’ausilio di un telescopio professionale”.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook