cielo azzurro cielo rosso

Il cielo è azzurro di giorno e rosso di sera: tutta colpa dello Scattering di Rayleigh. Il fenomeno, scoperto all’inizio del ‘900, è dovuto all’interazione tra la luce e le particelle d’aria che costituiscono l’atmosfera.

La luce è composta da una miriade di “colori” diversi: si propaga infatti per onde di lunghezza diversa (ogni lunghezza è un colore), da chilometri a picometri (ovvero milionesimi di metri). Ma quello che possiamo vedere con i nostri occhi è una fascia veramente molto piccola, da 400 (blu/violetto) a 700 nanometri (rosso) circa.

È noto che dopo una pioggia si può avere la fortuna di ammirare in cielo l’arcobaleno, che è dovuto al fenomeno della diffrazione della luce: questa infatti, incontrando le gocce di pioggia, si “divide” nei suoi colori, lasciando ai nostri occhi quelli per noi visibili, dal rosso al violetto.

Se invece il cielo è sereno, la luce incontra solo particelle d’aria trasformandole a loro volta in una sorgente di radiazioni. Il fenomeno, noto come Scattering di Rayleigh, è di fatto una diffusione, come se le particelle “assorbissero” il colpo della radiazione, lasciandone passare una parte intorno a loro. Si è calcolato che circa un quarto della radiazione iniziale diventa radiazione secondaria “emessa” dalle particelle d’aria e due terzi di questa arrivano ai nostri occhi sulla Terra.

cielo rayleigh spettro

Poiché l’intensità di questo fenomeno dipende dalla lunghezza d’onda ma in modo inverso (più è corta più il segnale è intenso ai nostri occhi), il blu/violetto prevale sul rosso ma i nostri occhi sono più sensibili al blu rispetto al violetto, e quindi, se il cielo è sereno, questo ci appare blu.

Ma tutto cambia all’alba e al tramonto, soprattutto se ci sono nubi o se siamo vicino a montagne. Vicino al sorgere del sole, o nei pressi nel suo tramonto, i fasci di luce, infatti, sono quasi paralleli alla superficie terrestre e vicino a oggetti come nubi o montagne la componente di luce meno attenuata nel corso dello scattering è proprio quella rossa. Il resto del cielo, invece, appare comunque blu perché quella resta la componente meno attenuata se il cielo è completamente “libero” (anche da inquinamento…).

Resterà sempre fonte di ispirazione poetica il cielo al tramonto, probabilmente, e forse lo Scattering di Rayleight non servirà (sperabilmente) a togliere la magia dello spettacolo naturale, ma il perché delle cose ha sempre e comunque il suo fascino.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram