proxima_b

Proxima b ruota attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole. I telescopi dello European Southern Observatory (ESO) immortalano l’esopianeta potenzialmente abitabile più vicino a noi, che, dalle prime osservazioni, sembra possa ospitare acqua allo stato liquido sulla sua superficie.

Dista 4,2 anni luce dal sistema solare ed orbita attorno ad una nana rossa che è stata chiamata Proxima Centauri visto che è la stella più vicina al Sole in direzione della costellazione del Centauro.

Il fatto che la stella sia una nana rossa è tutto fuorchè un dettaglio. Gli astronomi stimano infatti che  il pianeta, di massa circa 1,3 volte quella della Terra, si trovi a una distanza media da Proxima Centauri di 7 milioni di chilometri, molto meno di quanto il nostro pianeta disti dal Sole (circa 150 milioni di chilometri), quindi potenzialmente a clima rovente.

Ma una nana rossa è una stella poco luminosa e debole rispetto al nostro Sole, per cui Proxima b riceve un quantitativo di luce significativamente inferiore a quanto ci si aspetterebbe a quella distanza: questo fa ipotizzare anche la possibilità che sulla superficie ci sia acqua liquida, condizione necessaria alla vita come la conosciamo oggi.

LEGGI anche: KEPLER-186F: IL PRIMO PIANETA ABITABILE DAVVERO SIMILE ALLA TERRA

Guillem Anglada-Escudé, primo autore della ricerca, condotta presso la Queen Mary University of London, ha commentato:

“Sono stati trovati molti esopianeti e se ne troveranno molti altri, ma cercare e trovare un simil-Terra è stata l’esperienza di una vita per tutti noi. La storia e l’impegno di molte persone sono confluiti su questa scoperta”.

Comunque è necessario andare cauti. Per ora siamo solo nel campo delle ipotesi: saranno necessarie analisi specifiche e ricerche mirate prima di poter dire che Proxima b è effettivamente abitabile. E ancora più difficile sarà dimostrare che il corpo celeste ospita effettivamente  la vita, per non parlare degli sforzi eventualmente necessari per portare l’uomo sul pianeta.

LEGGI anche: KEPLER, LA NASA TROVA DUE SOSIA DELLA TERRA

L’uomo, quindi, non può ancora colonizzare il resto dell’Universo.

La scoperta è stata pubblicata il 24 agosto su Nature.

Roberta De Carolis

Foto: European Southern Observatory

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram