inquinamento luminoso

Inquinamento luminoso: sapevate che a causa della eccessiva luce artificiale la maggior parte degli italiani non riesce ad ammirare al meglio lo spettacolo della Via Lattea?

Proprio così: secondo il primo Atlante mondiale dell’inquinamento luminoso, che mostra la diffusione nei nostri cieli di luci artificiali che falsano la luce naturalmente presente nell’ambiente notturno, non solo gli italiani ma oltre l'80% della popolazione mondiale e quasi l’intera popolazione degli Stati Uniti vivono sotto cieli inquinati dalla luce artificiale.

La Via Lattea è nascosta a più di un terzo dell'umanità, tra cui il 60% europei e quasi l'80% dei nordamericani.

LEGGI anche: INQUINAMENTO LUMINOSO: A RISCHIO IL CIELO STELLATO ANCHE NEI PARCHI NATURALI

Insomma, la ricerca pubblicata su Science Advances e condotta da un gruppo internazionale di scienziati coordinato dall’Istituto italiano di Scienza e Tecnologia dell’inquinamento luminoso (Istil) (in collaborazione con l’Agenzia statunitense per l’atmosfera e gli oceani (Noaa), l’ente americano dei parchi nazionali, il centro tedesco di ricerca geologica (Gfz) e l’università israeliana di Haifa) è chiara su un punto: “in pochi decenni di sviluppo dell’illuminazione abbiamo avvolto la maggior parte dell’umanità in una cortina di luce che ci nasconde la vista della più grande meraviglia della natura: l’universo stesso”, come spiega Fabio Falchi, ricercatore all’ISTIL e capo della ricerca.

LEGGI anche: INQUINAMENTO LUMINOSO: A RISCHIO IL CIELO STELLATO ANCHE NEI PARCHI NATURALI

LO STUDIO - Tutti i dati sono stati raccolti dal satellite Suomi Npp della Nasa e del Noaa e poi sono stati rielaborati in una quarantina di computer grazie ad un software creato appositamente, che è stato in grado di calcolare la propagazione della luce in atmosfera. In seguito, gli studiosi hanno incrociato le informazioni con una serie di osservazioni da terra: oltre 30 mila misure di brillanza effettuate da parte di comuni cittadini, con la app “Loss of the night”, e da astronomi professionisti.
Il risultato? Le magnifiche stelle, nonostante il loro potere luminoso, sono praticamente invisibili ai nostri occhi per colpa delle immense luci che luci che illuminano metropoli e cittadine e che sono in grado di raggiungere distanze di molti chilometri. Non è un vero peccato?

LEGGI anche: L'INQUINAMENTO LUMINOSO NASCONDE LE STELLE E FA MALE ALLA SALUTE: ECCO COME SOTTOSCRIVERE L'APPELLO

mappa stelle

Il nuovo Atlante dimostra che, in termini di superficie, Canada e Australia sono i Paesi del G20 con i cieli più “bui”, mentre Italia e Sud Corea sono quelli più inquinati. Qui, infatti, quasi otto italiani su dieci non riescono più a godersi il magnifico cielo notturno. Qualche buona notizia arriva da piccole parti di Scozia, Svezia e Norvegia, mentre va molto male negli Stati Uniti dove il 90% della popolazione vive sotto mantelli luci artificiali.

E fosse solo questo il problema! Le ampie coltri di inquinamento luminoso bene non fanno nemmeno alla fauna e alla flora che si vedono alterati i propri ritmi e cicli naturali. Beh, si potrebbe dire che se solo l’illuminazione artificiale nelle aree di rilevante interesse ecologico-naturalistico fosse ridotta o del tutto assente già sarebbe un passo in avanti. Ma la beffa è che le luci superpotenti delle nostre pseudo-blindatissime città si propagano per chilometri e chilometri e alterano ogni cosa.

Germana Carillo

 

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram