vita marte terra

Gli ingredienti della vita sulla Terra potrebbero provenire da Marte. Analizzando i meteoriti provenienti dal pianeta rosso finiti sulla Terra, un team di ricerca dell'Università del Nevada, Las Vegas, ha verificato la presenza di minerali di fosfato.

Il fosfato funge da spina dorsale del DNA ed è anche una parte essenziale delle cellule per la produzione di energia. Gli scienziati pensano che da esso siano dipese in parte le reazioni che hanno portato all'origine della vita sulla Terra.

Esaminando i risultati delle analisi dei meteoriti e quelli forniti dai rover Spirit e Opportunity della Nasa, i ricercatori hanno così scoperto che il fosfato 'marziano' è nettamente più solubile, e quindi rilascia più sostanze nell'acqua, rispetto a quello più comune sulla Terra. Tuttavia, la scoperta del fosfato non implica che esso sia necessariamente connesso alle reazioni chimiche che innescano la vita.

I minerali che contengono fosfati sulla Terra si dissolvono molto lentamente, limitando la disponibilità in ambienti acquosi. Per questo, gli scienziati pensano che ciò potrebbe aver rappresentato un ostacolo alla comparsa della vita sulla Terra. Ma Marte è ricco di fosfati, 5-10 volte di più rispetto alla Terra. "Un ostacolo per l'origine della vita sulla Terra è stato il limitato fosfato a disposizione all'interno di quell'ambiente," ha detto a Space Adcock, a capo della ricerca. "I nostri risultati suggeriscono che un tale ostacolo potrebbe non essere così significativo se si guarda alla possibilità di vita derivante da Marte."

La prova sarebbe fornita dalla forma ossidata del molibdeno, il potenziale catalizzatore che ha aiutato le molecole organiche a dar luogo alle prime strutture viventi. “È solo quando il molibdeno diventa altamente ossidato che è in grado di influenzare il modo in cui si forma la vita”, ha dichiarato il professor Benner, del Westheimer Istitute For Science and Technology, negli Stati Uniti. “Questa forma di molibdeno non avrebbe potuto essere disponibile sulla Terra al tempo in cui la vita ha iniziato a prodursi, perché tre miliardi di anni fa la superficie del nostro pianeta possedeva molto poco ossigeno, ma non come su Marte”.

Inoltre, i risultati sperimentali suggeriscono che su Marte il fosfato viene rilasciato fino a 45 volte più velocemente durante le interazioni tra acqua e roccia rispetto alla Terra. E le concentrazioni di fosfato negli ambienti umidi marziani potrebbero essere stati il doppio di quelli della Terra primordiale.

Com'è finito sulla Terra? Oltre ai meteoriti, potrebbe essere stato portato dalle eruzioni vulcaniche. Secondo gli scienziati, trovare le prove della possibilità che la vita sia nata altrove sono affascinanti, ma al tempo stesso potrebbero fornire la base di lancio per la futura colonizzazione dei pianeti.

Francesca Mancuso

Foto: Nasa-Esa

Leggi anche:

- Curiosity infesterà l'acqua di Marte con i microbi terrestri?

- Marte: Curiosity potrebbe aver trovato le 'molecole della vita'

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram