@allexxanda/123rf

Giù i fucili dalla Pavoncella! Il Tar del Veneto ha sospeso la caccia a questa specie minacciata d’estinzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo aver sospeso la caccia alla Tortora, il Tar del Veneto ha appena bloccato anche quella alla Pavoncella. La decisione rappresenta una piccola vittoria per le tante associazioni animaliste, tra cui Enpa, Wwf, Lipu e Lav, che da tempo si battono per proteggere gli animali selvatici dai cacciatori. 

Esprimiamo viva soddisfazione per questa decisione del Tribunale Amministrativo del Veneto – commenta Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa – Ormai la difesa degli animali sembra essere affidata alle associazioni e ai loro tenaci ricorsi che surrogano il silenzio inaccettabile dello Stato. Eppure la fauna selvatica è bene indisponibile dello Stato. Siamo felici di questo successo perché consapevoli di rappresentare la quasi totalità degli italiani.

La Pavocella (Vanellus vanellus) è un bellissimo uccello (dal piumaggio variopinto) di media grandezza che vive in diverse aree umide dell’Italia e classificata come specie minacciata a livello globale. Nonostante ciò, la Regione Veneto aveva inserito questo volatile nel calendario venatorio nonostante, ma la disposizione è stata poi impugnata dalle associazioni Enpa, Lipu, Wwf e Lav, che sono riuscite nel loro intento. 

Una situazione analoga si è verificata anche con la tortora selvatica, la cui caccia è poi stata sospesa in quanto si tratta di una specie classificata a livello europeo “in cattivo stato di conservazione”. 

La vergogna della preapertura della stagione venatoria

In molte Regioni italiane la stagione venatoria si aprirà domani, con ben 20 giorni di anticipo. La decisione è stata definita “una vergogna” da Wwf e altre associazioni animaliste, a maggior ragione in un anno caratterizzato da maltempo, siccità e violenti incendi che hanno distrutto interi ecosistemi, specialmente in Calabria, Sicilia e Sardegna.

A nulla sono servite le richieste degli ambientalisti di sospendere la caccia per salvaguardare la fauna e gli habitat devastati dai roghi e dalla siccità. Ma, a quanto pare, ancora una volta le motivazioni dei cacciatori sono più forti e convincenti di chi vuole difendere la natura.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: ENPA

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook