@DavidPereirasVillagrÃ/123rf.com

Questa università mette in palio 3.500 sterline alla migliore idea per combattere i rifiuti di plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’università di Portsmouth (Inghilterra), in collaborazione con Santander, lancia un concorso a premi per gli studenti delle scuole. L’obiettivo è combattere l’inquinamento dovuto ai rifiuti plastici.

Si cercano studenti creativi e amici dell’ambiente per creare un breve video ispiratore per invitare le persone a prendere parte al sondaggio cittadino sui rifiuti plastici che si svolgerà a Portsmouth. Il sondaggio confluirà successivamente nell’iniziativa Revolution Plastics, promossa dall’Università di Portsmouth per contrastare la dispersione dei rifiuti plastici nell’ambiente, ed è promosso da Jetsam

Jetsam è un’app per cellulare utile a mappare i rifiuti plastici sul territorio e aiutare le autorità locali a raccogliere dati sulla situazione dei rifiuti in città. Si tratta di un’app gratuita, disponibile sia per Android che per iOS, che non necessita di alcun tipo di registrazione o iscrizione. Per dare il proprio contributo all’archivio di Jetsam è sufficiente scattare qualche foto dei rifiuti plastici che si incontrano per strada, mentre si passeggia o si porta in giro il cane: il sistema GPS provvederà a geolocalizzare il rifiuto e ad inserirlo nel database.

(Leggi: Dove finiscono i rifiuti di plastica della raccolta differenziata? Illegalmente bruciati in Turchia. Scoppia lo scandalo in UK)

Ecco come partecipare alla sfida:

  1. Creare un breve video (max. 90 secondi) per motivare i cittadini di Portsmouth a prendere parte al progetto per mappare i rifiuti plastici e postarlo sui social con l’hashtag #SantanderUniUK.
  2. Esprimere le proprie idee attraverso un breve piano scritto (max. 300 parole), definendo il target di pubblico a cui il video è rivolto e i social network che si intende utilizzare per la diffusione del video.
  3. Presentare il proprio piano e il proprio video entro le ore 17.00 di giovedì 15 luglio 2021.

Gli studenti possono partecipare singolarmente all’iniziativa oppure in piccolo gruppi (max. 6 persone per gruppo). I sei partecipanti (singoli o gruppi) che presenteranno i progetti migliori saranno invitati a mostrare i loro lavori di fronte a una giuria con rappresentanti delle università Santander, di Jetsam e dell’associazione Revolution Plastics.

I sei premi (si va da un minimo di 500 sterline fino al primo premio del valore di 3.500 sterline) verranno consegnati a fine settembre. Tutti I finalisti saranno incoraggiati a essere coinvolti nel progetto Cittadino dopo la competizione e a prendere parte ai team di Revolution Plastics e Jetsam. Questo potrebbe includere l’aiutare a lanciare una campagna di sensibilizzazione sui social media, in collaborazione con lo staff dell’università.

Fonte: University of Portsmouth / Santander

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook