Il nuovo super-enzima mangia le bottiglie di plastica 6 volte più velocemente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non uno, ma due enzimi in grado di degradare la plastica, una sorta di super-enzima che degrada le bottiglie sei volte più velocemente di quello creato precedentemente. Un vero e proprio mix di due enzimi prodotti da un tipo di batterio che si nutre di bottiglie di plastica, l’Ideonella sakaiensis.

Un autentico super-enzima di seconda generazione, insomma, che è stato progettato collegandone due separati – chiamati PETase e MHETase -, entrambi trovati nell’insetto mangia-plastica scoperto in un sito di rifiuti giapponese nel 2016. I ricercatori hanno in pratica rivelato una versione ingegnerizzata del primo enzima nel 2018, che ha iniziato ad abbattere il plastica in pochi giorni.

Quando abbiamo collegato gli enzimi, in modo piuttosto inaspettato, abbiamo ottenuto un notevole aumento dell’attività – ha affermato a The Guardian John McGeehan dell’Università di Portsmouth, nel Regno Unito, che ha coordinato gli studi. Questa è la direzione giusta verso il tentativo di produrre enzimi più veloci che sono più rilevanti a livello industriale”.

A differenza del degrado naturale, che può richiedere centinaia di anni, il superenzima è in grado di riconvertire la plastica in pochi giorni. Derivato da batteri che hanno sviluppato naturalmente la capacità di mangiare la plastica, consente il completo riciclaggio delle bottiglie e ora gli scienziati ritengono che combinarlo con enzimi che scompongono il cotone potrebbe anche consentire il riciclaggio degli indumenti in tessuto misto.

Già nei mesi scorsi, la società francese Carbios aveva rivelato un enzima diverso, originariamente scoperto in un cumulo di foglie di composto, che degrada il 90% delle bottiglie di plastica entro 10 ore, ma che richiede un riscaldamento oltre i 70 ° C.

Il nuovo superenzima funziona a temperatura ambiente e, secondo quanto afferma McGeehan, proprio la combinazione di approcci diversi potrebbe accelerare il progresso verso un uso commerciale: “Se possiamo creare enzimi migliori e più veloci collegandoli insieme e fornendoli ad aziende come Carbios, lo si potrebbe iniziare a fare entro il prossimo anno o due“.

Il lavoro del 2018 aveva stabilito che la struttura di un enzima, chiamato PETase, può attaccare la superficie dura e cristallina delle bottiglie di plastica. Si era scoperto, per caso, che una versione mutante funzionava il 20% più velocemente. Ora, il nuovo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, ha analizzato un secondo enzima trovato anche nei batteri giapponesi che raddoppia la velocità di degradazione dei gruppi chimici liberati dal primo enzima.

I batteri che scompongono i polimeri naturali come la cellulosa hanno sviluppato questo duplice approccio nel corso di milioni di anni. Gli scienziati hanno pensato che collegando i due enzimi, si potrebbe aumentare la velocità di degradazione e consentire loro di lavorare più strettamente insieme.

Il superenzima collegato sarebbe impossibile da creare per un batterio, poiché la molecola sarebbe troppo grande. Quindi gli scienziati hanno collegato i due enzimi in laboratorio e hanno visto un’ulteriore triplicazione della velocità.

enzima mangiaplastica

©Aaron McGeehan

Il team di scienziati dell’Università di Portsmouth e di altre quattro istituzioni statunitensi sta ora esaminando come modificare gli enzimi per farli funzionare ancora più velocemente. La combinazione degli enzimi che mangiano plastica con quelli esistenti che abbattono le fibre naturali potrebbe consentire il riciclaggio completo dei materiali misti. Una speranza ancora viva di ridurre gli oceani di plastica che ormai invadono il nostro pianeta.

Fonti: Phys / The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook