In tutto il mondo si inizia a buttare il cibo accumulato nelle corse ai supermercati per il Covid-19: sprechi aumentati del 30%

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La maggior parte dei Paesi sta affrontando una vera e propria emergenza sanitaria a causa del coronavirus che, purtroppo, sta comportando un enorme produzione di rifiuti e un aumento degli sprechi alimentari.

Sebbene non siano mai stato messo in discussione l’approvvigionamento di cibo e di beni di prima necessità, diverse persone prendono d’assalto gli scaffali dei supermercati per accaparrarsi quanti più alimenti possibili.

Molto del cibo acquistato, però, finisce irrimediabilmente nella spazzatura. Si tratta soprattutto di alimenti freschi comprati in eccesso, che raggiungono la data di scadenza prima che sia possibile consumarli.

In Inghilterra, ad esempio, utenti e associazioni hanno diffuso sui Social Network diverse immagini in cui sono ben visibili confezioni integre di alimenti freschi finite nella spazzatura.

“In un momento in cui la gente si preoccupa del cibo più del solito, per favore siate premurosi e responsabili con gli acquisti. C’è abbastanza cibo per tutti se non ci facciamo prendere dal panico”, ha raccomandato il Dacorum Borough Council.

La situazione non sembra essere diversa nel nostro Paese, tanto che alcuni generi alimentari tra cui il lievito di birra sembrano essere ormai introvabili.

Se da una parte tanti italiani faticano a trovare sufficienti risorse economiche per imbastire un pasto, molti altri saccheggiano gli scaffali per poi dover buttare via ciò che hanno acquistato.

Bisogna ricordare che quella del coronavirus è un’emergenza sanitaria e non alimentare. Al momento infatti non esiste alcun pericolo che il cibo scarseggi sugli scaffali del supermercato e non c’è nessuna necessità di fare scorte di cibo.

Farsi prendere dal panico e riempire in modo sconsiderato i carrelli della spesa in questo frangente genererebbe solo ulteriori problemi tra cui lo spreco di tonnellate di cibo, la scarsità di beni di prima necessità per chi entra al supermercato dopo di noi e un aumento generale dei prezzi.

Fonti di riferimento: Daily Dits/Dacorum Borough Council/Ajit Singh Atwal
Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook