Sistri: riunito il Comitato di Vigilanza e Controllo per discutere del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

 

A pochissimi giorni dall’entrata in vigore del Sistri, il sistema per la tracciabilità dei rifiuti presentato lo scorso mercoledì a Bologna, si è riunito ieri presso la sede del Ministero dell’Ambiente il Comitato di Vigilianza e di Controllo, composto da esperti del settore rifiuti, nominati direttamente dal Ministero e dalle organizzazioni imprenditoriali.

Compito del nuovo strumento sarà quello di garantire il monitoraggio del nuovo sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Come sappiamo, numerose sono state le lamentele riguardo al Sistri, sollevate dalla Conferderazione italiana agricoltori (Cia) e da Confindustria. Secondo la Cia, infatti, sarebbero tre i punti critici del testo: innanzitutto il mancato chiarimento dell’esonero dei piccoli produttori agricoli dall’obbligo di iscrizione al Sistri, la mancata semplificazione nella tenuta dei registri di carico e scarico e l’obbligo generalizzato, per tutti i produttori che trasportano i propri rifiuti per conferirli all’impianto di smaltimento, di iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali.

Ma la scadeza del 1° ottobre per l’avvio operativo del Sistri si avvicina sempre di più, ma la distribuzione dei dispositivi elettronici, che investirà oltre 281 mila soggetti, non è ancora stata completata. I motivi del ritardo riguardano una non corretta iscrizione o il mancato pagamento.

Alla luce delle difficoltà di decollo del Sistri, il Comitato sta prendendo le contromisure e non si fa intimorire dagli intoppi. E nel comunicato emanato dal Ministero dell’Ambiente espone: “Nel corso della riunione sono state esaminate le diverse problematiche relative, tra l’altro, al completamento della fase di distribuzione dei dispositivi elettronici a tutti gli aventi diritto, alla definizione delle modalità operative delle associazioni imprenditoriali per quanto concerne le procedure semplificate a favore delle piccole imprese, all’avvio di programmi di formazione per i formatori delle organizzazioni imprenditoriali. È emerso comunque un forte un segnale di disponibilità da parte delle principali organizzazioni del mondo produttivo di svolgere un ruolo attivo e di più ampia collaborazione per assicurare il pieno avvio, sul piano funzionale, del Sistri“.

Francesca Mancuso

Leggi il nostro approfondimento sul SISTRI
Leggi tutti gli articoli di GreenBiz.it sul SISTRI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook