Sistri: al via il nuovo “click Day” per testare il sistema di tracciabilità dei rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sistri, prove generali, atto secondo. È partito ieri il nuovo click day, che servirà a verificare il corretto funzionamento del Sistri – il sistema di tracciamento dello smaltimento dei rifiuti – che sarebbe dovuto entrare in vigore, in ultima data, lo scorso giugno e poi nuovamente (e clamorosamente) rinviato proprio per i problemi riscontrati nel primo click day di prova.

Dopo le tante proroghe e il ritardo registrato nei mesi scorsi, la categoria degli autotrasportatori aveva annunciato una grande manifestazione di piazza a Roma, fissata per ieri, poi rinviata, dopo l’annuncio da parte del Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, delle nuove date del click day dal 26 fino a domani, 28 luglio.

I risultati dei test di questi giorni si conosceranno ad agosto, mentre il sistema sarà attivo, ricordiamo, a partire dal 1 settembre 2011.
Il monitoraggio di questi tre giorni permetterà alle aziende coinvolte di verificare il comportamento di tutta la filiera; tutti gli enti e aziende dovranno utilizzare il sistema per la parte di propria competenza, coordinandosi con gli altri nello stesso modo in cui si coordinano attualmente con il sistema cartaceo.

In pratica, il produttore deve aggiungere il carico di rifiuto al registro cronologico e compilare la scheda di movimentazione (per la parte che lo riguarda); l’azienda che si occupa del trasporto deve redigere la scheda di movimentazione, pianificare il viaggio, caricare, attivare la Black Box, effettuare il trasporto e le operazioni di scarico una volta arrivato a destinazione; l’ultima parte della filiera dovrà infine chiudere e compilare le ultime voci della scheda di movimentazione.

Se le aziende riscontreranno dei problemi, potranno segnalare i malfunzionamenti allo 06/94526094, oppure scrivere a [email protected].

Verdiana Amorosi

Leggi tutti i nostri articoli sul SISTRI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook