Sprechi alimentari: dal MIT il mini sensore per rilevare il deterioramento di frutta e verdura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I chimici del Massachusetts Institute of Technology hanno creato un piccolo sensore capace di rilevare minime concentrazioni di etilene nella frutta, allo scopo di prevenirne il deterioramento e gli sprechi alimentari.

L’etilene è un ormone vegetale gassoso che regola diversi fenomeni nelle piante, dalla germinazione dei semi alla crescita delle cellule vegetali, dalla fioritura alla maturazione dei frutti.

La maturazione di un frutto include cambiamenti che ci consentono di nutrirci del frutto stesso: la polpa si ammorbidisce per azione degli enzimi, l’amido viene in parte degradato, si accumulano zuccheri e scompaiono alcuni composti che influiscono sul sapore, tra cui i tannini.

Alcuni frutti, detti climaterici, maturano in risposta all’etilene e i trattamenti con questo ormone sono da tempo utilizzati per ottenere una maturazione omogenea della frutta o a ritardarla.

Fanno parte di questa categoria di frutti le mele e le pere, ma anche albicocche, cachi, meloni pesche, prugne e pomodori, oltre a frutti esotici come banane, avocado, papaya e mango.

I frutti climaterici possono essere raccolti dall’albero prima che avvenga la completa maturazione, così che possano essere trasportati anche a distanza, maturando lungo il tragitto e lo stoccaggio.

Poiché ogni anno però tonnellate di alimenti freschi vengono gettate a causa del deterioramento durante il trasporto e l’immagazzinamento, vi è la necessità di lavorare a strategie che consentano di limitare le perdite.

Il nuovo sensore progettato dal MIT, rilevando le concentrazioni di etilene, potrebbe essere usato proprio per monitorare la frutta durante la catena di approvvigionamento, contribuendo a ridurre gli sprechi alimentari.

Il laboratorio aveva già lavorato a progetti simili riuscendo a sviluppare nel 2012 un sensore per l’etilene costituito da migliaia di nanotubi carbonio per rilevare le concentrazioni di etilene in base alla velocità del flusso di elettroni all’interno dei cilindri. Il sistema era però in grado di rilevare fino a 500 parti per miliardo di etilene e, poiché i sensori contenevano rame, sul lungo periodo questi si ossidavano e smettevano di funzionare.

Oggi i ricercatori del MIT hanno creato questo nuovo tipo di sensore che funziona con un meccanismo diverso, noto come ossidazione di Wacker, e sfrutta il palladio anziché il rame.

mit-sensore-etilene

Testando il sensore su piante di garofano e di una varietà di genziana, i ricercatori sono stati in grado di valutarne l’efficacia e la capacità, verificando che il sensore risponde all’etilene entro pochi secondi anche a basse concentrazioni e, una volta esaurito il gas, è in grado di tornare alla sua conduttività di base entro pochi minuti.

Ora il team ha chiesto di poter brevettare il nuovo sensore, che potrebbe trovare applicazione nell’industria alimentare per monitorare l’andamento della maturazione della frutta e prevenire gli sprechi alimentari.

Fonti di riferimento: Massachusetts Institute of Technology

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook