Il Senegal dice addio ai sacchetti di plastica usa e getta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Senegal dice addio ai sacchetti di plastica usa e getta. Dal 4 gennaio è entrata in vigore la legge che ne vieta la produzione, l’importazione, la vendita e la distribuzione in tutto il paese.

La normativa, dopo due tentativi falliti, era stata approvata lo scorso aprile dal Parlamento senegalese per proteggere l’ambiente e la fauna selvatica.

Negli ultimi anni la questione plastica era diventata senpre più spinosa.

Sono circa cinque milioni i sacchetti di plastica che ogni giorno circolano in Senegal. Sacchetti che spesso vengono gettati e abbandonati in natura, inquinando il suolo, aumentando la mortalità degli animali che li ingeriscono e minando la salute dell’uomo, aveva commentato Abdoulaye Balde, ministro dell’Ambiente al momento della discussione in aula della legge.

Prima di questa norma, altri due tentativi erano stati fatti nel 2002 e nel 2006 quando, sempre dal Ministero dell’Ambiente, era stato lanciato l’allarme di una vera e propria invasione del paesaggio.

Adesso gli unici sacchetti permessi saranno quelli più resistenti e con una grammatura elevata, in modo tale che essi possano essere riutilizzati. Chi non rispetterà la legge sarà multato fino a 20 milioni di franchi CFA,circa 30 mila euro e condannato a sei mesi di carcere.

rifiutimare

Questa inversione di tendenza sarà decisiva per il riuso e riciclo dei sacchetti e per salvaguardare il territorio africano.

Ricordiamo che l’Italia nel 2011 aveva fatto da apripista nel mettere al bando la plastica preferendo le buste biodegradabili e le sporte in tela o iuta. E nei primi tre anni dopo l’entrata in vigore della legge, il nostro Paese aveva dimezzato il consumo di sacchetti. Un esempio seguito anche da altri paesi europei, tra cui anche la Francia.

LEGGI: Divieto sacchetto di plastica: in Italia è boom delle sporte riutilizzabili

Tra i primi paesi asiatici a vietare l’uso della plastica c’era stato, invece, il Bangladesh. Tra gli altri paesi ci sono Mali, Mauritania, Togo, Costa d’Avorio, Burkina Faso, Guinea Bissau, Niger ma anche Gabon, Rwuanda, Cina, Taiwan, Stati Uniti.

LEGGI: Le Hawaii sono il primo Stato degli Usa a mettere al Bando i sacchetti di plastica

Sarebbe impossibile citare tutti gli Stati, l’elenco è lunghissimo, a dimostrazione che finalmente in tutto il mondo è in atto una vera e propria rivoluzione culturale.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

Inquinamento oceani: nel 2050 ci sarà più plastica che pesci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook