Lo stretto di Messina ha la più grande densità di rifiuti marini al mondo. Lo studio shock

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una discarica in fondo al mare. E’ questa la triste immagine apparsa agli occhi dei ricercatori che hanno esaminato i mari della Terra. Un nuovo studio condotto da varie università e istituzioni ha scoperto che lo stresso di Messina è l’area con la più grande densità di rifiuti marini al mondo.

Un primato di cui faremmo volentieri a meno. Coordinata dagli scienziati dell’Università di Barcellona, la ricerca promossa dal Centro comune di ricerca della Commissione Europea (Joint Research Center, JRC) e dall’Istituto tedesco Alfred Wegener, ha stimato la presenza di più di un milione di oggetti per chilometro quadrato in alcune zone dello Stretto.

Questo corrodoio sottomarino che separa la Sicilia dalla Calabria, è un luogo affascinante ricco di miti, da Scilla e Cariddi alle Sirene di Ulisse. O almeno lo è stato fino a quando non è diventato la nostra discarica. Oggi infatti viene ricordato per motivi meno nobili: ospita più rifiuti nei suoi fondali che ogni altro luogo del mondo. Il nuovo studio fornisce una sintesi delle attuali conoscenze sui materiali di origine umana che giacciono sul fondo del mare

“evidenziando la necessità di comprendere la presenza, la distribuzione e le quantità dei rifiuti al fine di fornire informazioni per misure (politiche) appropriate “, osserva Georg Hanke, uno degli autori. “Il documento mostra anche la necessità di impiegare nuove metodologie – come approcci di imaging – per coprire aree che non erano state considerate in precedenza, e fornisce strumenti per consentire valutazioni quantitative come quelle nell’ambito della strategia marina della Direttiva quadro UE (MSFD) ”.

Plastica, attrezzi da pesca, metallo, vetro,  ceramica, tessuti e carta sono i materiali più abbondanti negli hotspot dei rifiuti sul fondo marino, compreso lo Stretto.

Lo studio è iniziato nel 2018 quando 25 Scienziati di tutto il mondo si sono incontrati durante un seminario sui macro rifiuti sui fondali marini, organizzato dal Centro comune di ricerca (JRC) della Commissione europea e dall’Istituto tedesco Alfred Wegener (AWI) e hanno discusso sulla necessità di ottenere dati e metodologie per studiare il marine littering.

Il risultato di due intense giornate di discussioni è stato raccolto e compilato in una pubblicazione scientifica sotto la guida dell’Università di Barcellona, ​​in Spagna, e oggi pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters. Secondo gli scienziati, nei prossimi trent’anni, il volume dei rifiuti in mare potrebbe superare i tre miliardi di tonnellate (Mt).

Quando i rifiuti arrivano prima degli umani

Il fondale oceanico accumula sempre più rifiuti marini. Mentre i più grandi hotspot di rifiuti – probabilmente nelle profondità marine – sono ancora da trovare, la plastica è già stata trovata nel punto più profondo della Terra, la Fossa delle Marianne – a una profondità di 10.900 metri – nell’Oceano Pacifico. In alcuni casi, le concentrazioni di rifiuti raggiungono densità paragonabili a quelle di grandi discariche, avvertono gli esperti.

Nonostante gli sforzi della comunità scientifica,

“l’estensione dei rifiuti marini sui nostri mari e oceani non è ancora del tutto nota. Le regioni marine più colpite da questo problema sono mari senza sbocco e semichiusi, fondali costieri, aree marine sotto l’influenza di grandi foci di fiumi e luoghi con un’elevata attività di pesca, anche lontano dalla terraferma ”,

ha spiegato il professor Miquel Canals, capo del Consolidated Research Group on Marine Geosciences dell’Università di Barcellona.

La foto che segue mostra un rifiuto raccolto nei fondali oceanici a 5100 metri di profondità.

sacchetto plastica 5100m

©Caladan Oceanic

Il lungo viaggio dei rifiuti sul fondo del mare

A causa di un effetto gravitazionale, i rifiuti leggeri vengono solitamente trasportati lungo e nelle regioni marine dove scorrono dense correnti, come canyon e altre valli sottomarine. Infine, i materiali trasportati dalle correnti si accumulano nelle depressioni.

Anche il materiale di cui sono fatti influenza la loro dispersione e accumulo sul fondo dell’oceano. Si stima che il 62% della spazzatura accumulata sui fondali sia costituita da plastica,

“che è relativamente leggera e facilmente trasportabile su lunghe distanze. D’altra parte, oggetti pesanti come barili, cavi o reti vengono solitamente lasciati nel punto in cui sono inizialmente caduti o sono rimasti impigliati ”, afferma Canals.

I danni per la fauna marina

I rifiuti sono una grande  minaccia per la biodiversità marina. Quasi 700 specie, il 17% delle quali nella lista rossa IUCN, sono state colpite da questo problema in diversi modi. Gli attrezzi da pesca impigliati nel fondale  possono causare gravi impatti ecologici per decenni, o ancora la lenta decomposizione delle reti, solitamente realizzate con polimeri ad alta resistenza, aggrava gli effetti dannosi di questo tipo di rifiuti sull’ecosistema marino.

Altre attività umane – dragaggio, pesca a strascico, ecc. – spostano o peggio frammentano i rifiuti del fondale. Inoltre, qui le concentrazioni di rifiuti possono facilmente intrappolare altri oggetti, generando così accumuli sempre più grandi. Ma non solo. Alcuni composti xenobiotici – pesticidi, erbicidi, prodotti farmaceutici, metalli pesanti, sostanze radioattive, ecc. – associati ai rifiuti sono altamente resistenti alla degradazione e mettono in pericolo la vita marina.

“Nel Mar Mediterraneo – afferma Miquel Canals – i rifiuti marini sui fondali marini sono già un grave problema ecologico. In alcuni luoghi della costa catalana, ci sono grandi accumuli. Quando ci sono forti tempeste, come Gloria, nel gennaio 2020, le onde li gettano sulla spiaggia”.

Oltre a mapparli e cercare di recuperarli, il problema va risolto a monte. Gli autori dello studio hanno messo  in guardia sulla necessità di promuovere politiche specifiche per ridurre al minimo un problema ambientale così grave.

“I rifiuti marini hanno raggiunto i luoghi più remoti dell’oceano, anche i meno (o mai) frequentati dalla nostra specie e non ancora mappati dalla scienza”, afferma Miquel Canals. “Per correggere qualcosa di brutto, dobbiamo attaccare la sua causa. E la causa dell’accumulo di rifiuti sulle coste, nei mari e negli oceani, e in tutto il pianeta, è l’eccesso di produzione e lo sversamento nell’ambiente, e le pratiche di gestione insufficienti”.

Fonti di riferimento: Università di Barcellona, Unione europea, Environmental Research Letters

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook