In Brasile i rifiuti del carnevale raccolti per le strade diventeranno cassonetti sostenibili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal Brasile arriva una buona idea per rendere il carnevale un po’ più sostenibile. I rifiuti raccolti per le strade di 5 grandi città del paese dopo le parate e le feste saranno trasformati per diventare cassonetti.

Riuscite ad immaginare quanta spazzatura rimane sulle strade in Brasile dopo i mastodontici festeggiamenti per il carnevale nelle principali città del paese? Tonnellate e tonnellate di rifiuti di ogni genere che non sempre si riesce a smaltire correttamente e a riciclare.

Quest’anno, però, 5 grandi capitali brasiliane sono impegnate in un progetto di economia circolare che riguarda proprio il carnevale. Grazie ad una partnership con l’Associazione nazionale raccoglitori di rifiuti (ANCAT), tutto quanto verrà trovato abbandonato in strada in seguito alle sfilate sarà raccolto in modo da essere riciclato, regalandogli una nuova vita.

Il progetto è un’iniziativa di Ambev, il più grande produttore di birra del Sudamerica, che sponsorizza ufficialmente il carnevale a San Paolo, Rio de Janeiro, Recife, Salvador e Belo Horizonte. Nei calcoli della compagnia, la spazzatura prodotta da circa 26 milioni di persone alle prese con i festeggiamenti nelle 5 capitali sarà utile a produrre oltre 2000 nuovi cassonetti.

Ambev, a questo scopo, ha installato apposite tende per il riciclaggio in luoghi centrali, in particolare le piazze dove si svolgono i più grandi eventi del carnevale di strada del paese. Nel primo fine settimana del progetto, 24 tonnellate di materiali come alluminio, plastica, cartone e vetro sono già state raccolte nei punti di raccolta a San Paolo e Belo Horizonte.

Nel 40% dei casi si tratta di plastica e, a causa della mancanza di una tecnologia adeguata in Brasile, almeno il 20% di questa plastica non ha ancora una concreta possibilità di essere riciclata. Proprio di questo materiale, invece, saranno principalmente costruiti i nuovi cassonetti che saranno installati nelle stesse città una volta conclusi i festeggiamenti.

“L’idea non è solo quella di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità e gli impegni delineati dall’azienda per i prossimi anni, ma di riportarli a benefici per le città, in modo che l’impegno ecologico non si limiti solo al periodo di carnevale”, ha dichiarato Rodrigo Figueiredo, vice Presidente di Sostenibilità e forniture presso Cervejaria Ambev.

Fonte: ambev/ Jornal do Brasil/ g1.globo.com

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook