Perché non ricicliamo tutto cio’ che dovremmo? Lo spiega la psicologia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La raccolta differenziata dovrebbe ormai essere un’abitudine ben consolidata in ogni luogo in cui essa risulta possibile, sia nelle nostre abitazioni che fuori casa. Eppure a volte dimentichiamo di gettare nel corretto contenitore numerosi involucri e materiali che potrebbero essere riciclati. Un nuovo studio rivela il perché.

Immaginiamo di camminare lungo una strada di città e di incontrare lungo il percorso una lattina schiacciata o della carta appallottolata. Entrambe costituiscono oggetti e materiali riciclabili, che possono essere destinati alla raccolta differenziata. Eppure, nel caso in cui decidessimo di raccoglierli, forse li getteremmo nel primo cestino della spazzatura, senza pensare alle possibilità di riciclo.

Da una parte ciò potrebbe essere dovuto all’assenza, nelle immediate vicinanze, di un cestino per la raccolta differenziata della carta o dell’alluminio. Dall’altra parte, secondo gli esperti, le ragioni del nostro comportamento risultano più profonde. Anche all’interno delle nostre case, infatti, dove è possibile di norma effettuare la raccolta differenziata senza problemi abbiamo la tendenza a gettare nel bidone della spazzatura indifferenziata ciò che invece potrebbe essere riciclato. In particolare quegli imballaggi che non risultano intatti o in perfette condizioni.

A parere degli esperti, alla base del comportamento che alcuni di noi potrebbero mettere in pratica, vi è la sensazione che una lattina schiacciata, un pezzo di carta appallottolato o una bottiglia di plastica ammaccata non abbiano più alcun valore e non siano più riutilizzabili o riciclabili.

Alcuni di noi tenderebbero, perciò, a eseguire in maniera corretta la raccolta differenziata soltanto nel caso di imballaggi e confezioni che risultino ancora intatte o quasi. Si tratterebbe di una pura questione psicologica per cui un oggetto viene percepito come riciclabile se risulta il più vicino possibile alla sua forma originaria. Secondo Jennifer Argo, insegnate di marketing della University of Alberta School Of Business, non sono le dimensioni dell’oggetto a contare. Ad avere importanza è il suo aspetto.

La sfida, a parere degli esperti, consiste nel modificare la nostra percezione dell’effettiva utilità o inutilità di un prodotto. Anche le aziende che si occupano della produzione di imballaggi potrebbero giocare un ruolo importante, creando confezioni che possano mantenersi il più possibile intatte anche dopo l’apertura.

Marta Albè

Fonte foto: cafeyuppie.com

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook