In tutto il Portogallo da domani multe salate per chi getta mozziconi a terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Portogallo è pronto ad applicare multe salate per i fumatori incivili. Da domani, infatti, chiunque getterà a terra mozziconi di sigaretta, sigari o altri rifiuti del tabacco, sarà punito con una sanzione che andrà dai 25 ai 250 euro.

La legge è stata approvata dal Parlamento portoghese lo scorso 19 luglio e promulgata dal Presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, il 13 agosto ed entrerà ufficialmente in vigore a partire da domani 4 settembre.

Non finisce qui: le multe saranno applicate anche agli esercizi commerciali che non si doteranno di posacenere o altre attrezzature adatte a smaltire i rifiuti del tabacco. Ristoranti, negozi, stabilimenti e altre attività simili hanno ricevuto degli incentivi statali per adeguarsi alla nuova normativa e saranno puniti con ammende dai 250 ai 2500 se non rispetteranno l’obbligo.

L’obiettivo è chiaramente quello di avere strade più pulite: i mozziconi di sigaretta rientrano tra i rifiuti più inquinanti, ancora più della plastica.

E in Italia? Anche da noi esiste una legge che vieta di gettare a terra i mozziconi di sigaretta e altri rifiuti: si tratta della normativa sulle disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali.

L’articolo 40 della normativa prevede il divieto di abbandonare nell’ambiente i rifiuti di prodotti da fumo e altri rifiuti di piccole dimensioni come fazzoletti di carta, scontrini, gomme da masticare.

La legge è entrata in vigore il 2 febbraio 2016 e, oltre a vietare l’abbandono di tali rifiuti al suolo, proibisce di gettare mozziconi e affini nelle acque e negli scarichi e obbliga i comuni a installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi pubblici posacenere e cestini.

L’inosservanza della legge prevede multe fino 300 euro, eppure si continuano a gettare cicche di sigaretta in strada, sui marciapiedi e sulle spiagge senza ricevere alcuna sanzione, poiché non esistono controlli efficaci.

Ci auguriamo che in Portogallo abbiano invece previsto come applicare la legge e che non resti solo una normativa scritta sulla carta ma che nei fatti non è rispettata da nessuno.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook