Il parlamento Ue vieta la plastica usa e getta dal 2021: l’elenco dei prodotti banditi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Plastica usa e getta, anche il Parlamento Europeo è favorevole alla messa al bando. Ieri gli eurodeputati hanno votato a favore del divieto di utilizzo di alcuni prodotti dal 2021 e hanno approvato l’eliminazione di altri oggetti in plastica monouso.

Anche se non si tratta ancora dell’approvazione definitiva, la strada tracciata sembra ormai questa. La relazione è stata approvata con 571 voti favorevoli, 53 voti contrari e 34 astensioni. Agli oggetti già inseriti nella lista dei divieti dalla Commissione tra cui stoviglie usa e getta, posate, bastoncini cotonati, cannucce, miscelatori per bevande e bastoncini per palloncini, il Parlamento europeo ha aggiunto articoli di plastica ossi-degradabili, come sacchetti o imballaggi, e i contenitori per fast-food in polistirolo espanso.

Secondo la Commissione europea, oltre l’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica e i prodotti vietati sono il 70% di tutti i rifiuti marini. Per via della sua lenta decomposizione, la plastica si accumula nei mari e sulle spiagge, come dimostrato anche dalla presenza di residui in specie marine come tartarughe marine, foche, balene e uccelli, ma anche in pesci e crostacei, e quindi anche nella catena alimentare.

I prodotti messi al bando

Tra quelli proposti dalla Commissione e quelli aggiunti dal Parlamento, ecco l’elenco di tutti i prodotti messi al bando:

  • cotton fioc
  • posate
  • piatti
  • cannucce
  • mescolatori per bevande
  • aste per palloncini
  • contenitori per bevande monouso (ammessi solo se i tappi e i coperchi restano attaccati al contenitore)
  • sacchetti di plastica molto leggeri
  • prodotti in plastica oxo-degradabile
  • contenitori per fast food fatti di polistirolo espanso

Altre misure

Sono state inoltre approvate altre misure come la riduzione del consumo di contenitori di alimenti del 25% entro il 2025 e del 50% per i filtri di sigaretta contenenti plastica.

I produttori di oggetti come involucri, filtri per le sigarette, salviettine umidificate avranno inoltre l’obbligo di provvedere ai costi per la gestione dei rifiuti e per la pulizia, la cosiddetta responsabilità estesa del produttore.

“Gli Stati membri dovrebbero garantire che i produttori di tabacco si facciano carico dei costi di raccolta dei rifiuti per tali prodotti, compresi il trasporto, il trattamento e la raccolta dei rifiuti. Lo stesso vale per i produttori di attrezzi da pesca contenenti plastica, che dovranno contribuire al raggiungimento dell’obiettivo di riciclaggio”.

Ecco i 10 dieci prodotti di plastica che si trovano più frequentemente sulle spiagge europee:

10 oggetti plastica

Attrezzi da pesca

Gli Stati membri dovrebbero inoltre garantire che almeno il 50% degli attrezzi da pesca contenenti plastica smarriti o abbandonati venga raccolto ogni anno. L’obiettivo di riciclaggio da raggiungere entro il 2025 deve essere di almeno il 15%. Gli attrezzi da pesca rappresentano il 27% dei rifiuti che si trovano sulle spiagge europee.

rifiut plastica ue

Caccia alle bottiglie di plastica

Fra le novità proposte dall’Europa vi è anche l’obiettivo di raggiungere la raccolta del 90% delle bottiglie di plastica entro il 2025 anche col sistema dei vuoti a rendere e l’obbligo di etichettatura per gli assorbenti igienici, le salviettine umidificate e i palloncini, in modo che gli utenti sappiano come smaltirli correttamente, il tutto corredato da un’attività di sensibilizzazione.

Non appena i ministri dell’UE avranno stabilito la propria posizione comune. inizieranno i negoziati fra Parlamento e Consiglio per il testo finale.

È doveroso ricordare che la lotta al’inquinamento marino parte prima di tutti da noi consumatori, iniziando da una corretta raccolta differenziata. I rifiuti infatti non vanno da soli in mare ma è soprattutto a causa dell’incuria. Attraverso la differenziata, possiamo far sì che questi oggetti pericolosi per l’ambiente possano tornare a nuova vita.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook