@crampinini/123rf.com

I ricercatori hanno creato un materiale a base vegetale che può sostituire la plastica monouso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ricercatori dell’università di Cambridge hanno creato un nuovo materiale sostenibile (derivato dalle piante) che potrebbe rimpiazzare la plastica monouso in molti campi.

Per molti anni i ricercatori hanno osservato il comportamento delle proteine: buona parte della ricerca si è concentrato su cosa accade quando le proteine si comportano in modo anomalo, provocando l’insorgenza di malattie come l’Alzheimer. Ora, invece, i ricercatori dell’Università di Cambridge hanno dedicato i loro sforzi alla risoluzione di un importante problema concernente la sostenibilità ambientale: l’inquinamento dovuto alla plastica.

Si tratta di un film polimero creato imitando le proprietà della tela del ragno, uno dei materiali più resistenti in natura. Questo nuovo materiale è resistente tanto quanto molti tipi di plastica in uso oggi e potrebbe presto rimpiazzare il materiale derivante dal petrolio in molti prodotti per l’uso domestico. Il nuovo materiale è stato creato utilizzando un nuovo approccio, per assemblare le proteine delle piante in un materiale che riproducesse la seta – a livello molecolare. Le proteine naturali, autoassemblandosi, hanno prodotto un film rigido di ‘simil-plastica’ che può essere prodotto anche su larga scala. A questo polimero naturale possono essere aggiunti anche dei coloranti (anch’essi naturali), e può essere reso anche impermeabile all’acqua.

(Leggi: Dal riciclo delle mascherine un nuovo materiale per strade e marciapiedi più resistente dell’asfalto)

La nuova ‘plastica’ naturale è completamente compostabile a casa – diversamente da altri tipi di bioplastica finora esistenti che necessitano comunque di macchinari per degradarsi. Sarà presto lanciata sul mercato da Xampla, una società connessa all’Università di Cambridge che sviluppa soluzioni alternative alla plastica per i prodotti monouso: l’azienda produrrà già dalla fine di quest’anno una linea di sacchetti monouso e di capsule che sostituiranno quelle utilizzate per la pulizia dei piatti e dei vestiti, finora realizzate in plastica.

plastica naturale

Credits: Natural Communicatios

Questa è stata la culminazione di uno studio durato più di dieci anni che ci ha permesso di capire come la natura (in questo caso, il ragno) genera materiali dalle proteine – spiegano gli autori della ricerca. – Non siamo partiti con l’intenzione di vincere la sfida della sostenibilità ambientale – siamo stati spinti dalla curiosità e dal creare nuovi materiali. Il punto di svolta è stato essere in grado di riconoscere il fenomeno delle proteine che si autoassemblano, in modo da creare nuovi e innovativi materiali.

E, infatti, si sa ancora molto poco su come le proteine delle piante si assemblino fra di loro, e i ricercatori si dicono entusiasmati all’idea di scoprire nuovi modi per sostituire progressivamente la plastica in tutti I settori della vita quotidiana.

Fonte: Nature Communications

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

MSC

Pesca sostenibile: perché è così importante per tutti noi e per il nostro Pianeta

Germinal Bio

5 colazioni sane per rendere gustosi i tuoi fiocchi d’avena

Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook