Plastica shock: 10 immagini del National Geographic che tutti dovrebbero vedere (oltre alla copertina)

National Geographic plastica

Plastica, ovunque. In mare, dispersa per le nostre strade, sulle spiagge e perfino nella fossa delle Marianne, nelle profondità oceaniche. La nuova copertina di giugno del National Geographic lo racconta attraverso una dura immagine: un iceberg emerge dalle acque ma anche se le somiglianze potrebbero ingannare si tratta di una enorme busta di plastica.

È solo la prima delle immagini shock della campagna portata avanti dal National Geographic, Planet or Plastic, che punta a sensibilizzare sull’impatto dell’inquinamento sulla terra e sui suoi abitanti.

“Per 130 anni, National Geographic ha documentato le storie del nostro pianeta, offrendo agli spettatori di tutto il mondo una finestra sulla straordinaria bellezza della terra e sulle minacce che affronta”, ha detto Gary E. Knell, CEO di National Geographic Partners. “Ogni giorno, i nostri esploratori, ricercatori e fotografi sul campo testimoniano in prima persona l’impatto devastante della plastica monouso sui nostri oceani e la situazione sta diventando sempre più grave”.

Attraverso Planet or Plastic, il National Geographic condividerà le storie di questa crescente crisi, sperando di aiutare ad affrontarla diffondendo una maggiore consapevolezza sull’importanza di eliminare la plastica monouso.

Lo sappiamo tutti. Il mondo è invaso dalla plastica ed è colpa nostra. Ma cosa accadrebbe se ci trovassimo di fronte alle orribili conseguenze della nostra dipendenza dalla plastica?

national geo plastica

Questo è uno degli obiettivi della campagna, che punta a cambiare il modo in cui le persone usano la plastica. Scienziati e ricercatori della rivista sperano di colmare le lacune nella conoscenza degli impatti a lungo termine della plastica, che si dissolve in particelle microscopiche che arrivano poi nella nostra catena alimentare.

Un cambiamento di mentalità da parte di tutti costringerebbe le aziende a rivedere le loro politiche sul packaging.

#svestilafrutta, GreenMe ha dichiarato guerra agli imballaggi inutili

Attraverso la campagna social #svestilafrutta, anche greenMe sta combattendo contro l’ossessione di impacchettare gli alimenti e proteggere eccessivamente frutta e verdura, perfino quella bio. In questo modo, stiamo cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica e la grande distribuzione a ridurre l’abuso degli imballaggi in plastica.

Per partecipare basta scattare una foto ogni volta che ci si trova davanti a un prodotto imballato in maniera assurda e senza senso (un mandarino, una banana, una zucchina etc..). Dopo aver scattato la foto, basta caricarla sui social Facebook, Twitter, Instagram usando l’hashtag #svestilafrutta, taggando @greenMe_it e inserendo anche il nome del supermercato dove si trova la confezione.

svesti la frutta

Le immagini che seguono, potenti e strazianti, raccontano i danni che 9 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica producono ogni anno sia all’ambiente e alla fauna.

cicogna plastica

Image credits: John Cancalosi/ National Geographic

buriganga river in bangladesh
plastica mare ng
donna rifiuti bambino ng
montagna plastica ng
cumuli ng

Randy Olson / National Geographic

Risultati immagini per cotton fioc site:greenme.it

Justin Hofman/ National Geographic

iene rifiuti

Brian Lehmann/ National Geographic

rifiuti ng

Abdul Hamik/National Geopgraphic

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Orticolario 2019

Torna la mostra dedicata a chi vive la natura come stile di vita

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Hipp

Cosa si nasconde davvero dietro ai prodotti biologici: viaggio nella biofattoria di Hipp

dobbiaco

tuvali
seguici su Facebook