Come le compagnie petrolifere alimentano l’industria della plastica ai danni del Pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I nostri oceani sono pieni di plastica, ma sebbene il nostro Pianeta sia in stato di sofferenza evidente, l’industria USA degli idrocarburi ha deciso di investire 180 miliardi di dollari in nuove strutture di “cracking”, il processo che permette la scissione delle catene di molecole del petrolio che poi andranno a creare nuova plastica.

Gli investimenti non saranno solo oltreoceano, ma interesseranno anche l’Europa e così facendo la capacità di fabbricazione di materie plastiche potrebbe aumentare in cinque anni anche di un terzo a livello mondiale.

Le nuove strutture costruite da società come Exxon Mobile Chemical e Shell Chemical contribuiranno quindi, ad alimentare l’inquinamento da plastica.

“Il rischio è quello di avere decenni di produzione di plastica proprio nel momento in cui, il mondo si sta rendendo conto che dovremmo usarne di meno”, spiega Carroll Muffett, presidente del Center for International Environmental Law degli Stati Uniti , che ha analizzato l’industria della plastica.

“Circa il 99% delle materie prime che servono per la plastica è costituito da combustibili fossili, quindi è chiaro che società come Exxon e Shell, hanno contribuito a creare la crisi climatica. Esiste una relazione profonda e pervasiva tra le compagnie petrolifere e del gas e le materie plastiche”, continua.

Secondo Greenpeace Uk, qualsiasi aumento che finisce negli oceani potrebbe avere un impatto disastroso.

“Stiamo già producendo più plastica usa e getta di quanta ne possiamo poi smaltire”, spiega Louise Edge.

oceani di plastica

Come sappiamo, esiste uno stretto legame tra la produzione di plastica non biodegradabile e il settore degli idrocarburi, legame che è stato analizzato dal Center for International Environmental Law. Il boom di combustibili a basso prezzo ha fatto sì che anche il costo delle materie prime fosse più basso.

“Poiché la produzione di combustibili fossili è altamente localizzata in aree specifiche, anche la fabbricazione di materie plastiche si concentra in specifiche regioni, in particolare nella costa del Golfo degli Stati Uniti”, spiega il Centro in un recente rapporto investigativo, intitolato Fueling Plastics.

Sullo stesso argomento:

Tutto ciò succede mentre lo scorso giugno un’indagine di The Guardian, rivelava che ogni minuto nel mondo viene acquistato un milione di bottiglie di plastica e che la maggior parte finisce in discarica o mare.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook