Oli Esausti: a Palermo la raccolta degli oli vegetali della frittura è porta a porta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo i consigli chiesti da noi al CONOE, il Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento Oli e grassi vegetali ed animali Esausti, giunge notizia che a Palermo a breve partirà il nuovo servizio sperimentale di raccolta, trasporto e recupero di di provenienza domestica attraverso appositi contenitori che verranno distribuiti in tutta la città.

Il servizio, che verrà presentato il prossimo venerdì alle 10.30 presso la sede di Palermo Ambiente, cercherà dunque di agevolare lo smaltimento degli oli che abitualmente vengono gettati in maniera errata nel lavandino di casa, provocando un serio danno all’ambiente.

Secondo l’Assessorato all’Ambiente del comune di Palermo, basterebbe raccogliere gli oli esausti per salvaguardare l’ambiente riducendo l’inquinamento delle falde acquifere e diminuendo al tempo stesso i costi di gestione dei depuratori comunali: “In genere gli oli di frittura delle nostre case finiscono negli scarichi dei lavandini e di lì nel sistema fognario, senza che ci facciamo caso – ha detto Marianna Caronia, assessore all’Ambiente del Comune di Palermo -. L’aspetto che però sfugge a tutti noi consumatori è che i residui presenti nell’olio che buttiamo via sono fortemente inquinanti e quindi devono essere filtrati nei depuratori comunali“.

Da qui l’esigenza di intervenire, avviando il servizio di raccolta degli oli. Continua l’assessore: “L’assessorato all’Ambiente e la Palermo Ambiente spa firmeranno con la Ecologica Italiana srl la convenzione per un progetto sperimentale che si concluderà a fine anno. L’azienda, iscritta al Consorzio Conoe, distribuirà in città alcuni contenitori appositi, dove i cittadini potranno conferire i residui oleosi, e si occuperà del servizio di raccolta, trasporto, avvio al recupero di olio vegetale esausto.

Il servizio sarà gratuito a domicilio per le persone diversamente abili.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook