Raccolta oli esausti: a Casal Velino olio extravergine in regalo in cambio dell’olio di frittura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come incoraggiare la raccolta degli oli esausti? Il Comune di Casal Velino ha dato il via ad un’iniziativa che permetterà ai cittadini di ricevere in regalo olio extravergine locale in cambio dell’olio di frittura da consegnare all’isola ecologica. Al centro dell’iniziativa, troviamo l’olio extravergine campano DOP prodotto nel territorio della città.

Il progetto sperimentale prende il nome di “L’olio all’isola” e mira ad un maggior coinvolgimento dei cittadini nel rispetto dell’ambiente e nella raccolta differenziata. L’iniziativa ha preso il via grazie ad una delibera della giunta comunale di Casal Velino. La campagna per la raccolta incentivante dell’olio esausto durerà da aprile 2014 ad aprile 2015.

I cittadini dovranno raccogliere l’olio già usato in cucina in appositi contenitori messi a disposizione dalla Pro Loco e dal Comune in comodato d’uso. Dovranno dunque portarlo all’Isola Ecologica in Località Ieschi. Ci saranno però delle quantità da rispettare per poter ricevere in cambio l’olio extravergine Dop, sia per i cittadini che per le attività commerciali.

Per quanto riguarda i cittadini:

1 litro d’olio extravergine prodotto nel territorio di Casal Velino in omaggio per ogni 20 litri di olio esausto conferito.

½ litro di olio extravergine in omaggio per ogni 10 litri di olio esausto conferito.

Per le attività commerciali:

1 litro di olio extravergine in omaggio per ogni 30 litri di olio esausto conferito.

Per ottenere il premio non si possono sommare tra loro quantità di olio esausto conferite in tempi diversi. L’olio deve essere consegnato presso l’Isola Ecologica di Casal Velino, che è aperta all’accoglienza dalle ore 8 alle ore 13 di ogni giorno lavorativo.

casal velino olio esausto

Ricordiamo che, per evitare problemi di inquinamento delle risorse idriche, l’olio esausto non deve mai essere gettato lungo gli scarichi della cucina, ma deve essere consegnato alle isole ecologiche o ai punti di raccolta presenti nella vostra città. Potrete reperire maggiori informazioni in proposito presso il vostro Comune. In alcune città, come a Palermo, la raccolta dell’olio di frittura avviene porta a porta.

L’olio esausto rappresenta una risorsa ancora valida. La sua raccolta corretta ne permette il riutilizzo per la produzione combinata di energia elettrica e termica. C’è anche chi ha pensato di servirsi dell’olio di frittura esausto per alimentare gli aerei. Altri possibili riutilizzi dell’olio esausto riguardano la creazione di un asfalto più green e la realizzazione del sapone da bucato.

Prima di liberarvi dell’olio di frittura in maniera scorretta, non dimenticate di tenere conto che versare 1 solo litro d’olio in uno specchio d’acqua porta alla formazione di una pellicola inquinante grande quanto un campo da calcio, che riduce pericolosamente l’ossigenazione e rende non potabile ben 1 milione di litri d’acqua, che corrispondono al consumo di una sola persona in circa 14 anni.

Per maggiori informazioni sulla raccolta dell’olio esausto a Casal Velino: www.comune.casalvelino.sa.it

Marta Albè

Leggi anche:

Oli esausti: dove buttare l’olio della frittura senza friggere l’ambiente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook