Discarica Malagrotta: sotto inchiesta anche l’Ama per gli omicidi causati dall’inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Malagrotta: anche l’Ama, l’azienda municipalizzata dei rifiuti di Roma, e la Raffineria Roma Spa, azienda controllata da Total Erg, compaiono nel fascicolo di inchiesta sui 4 omicidi colposi causatii dall’inquinamento della falda acquifera sottostante la discarica (finalmente chiusa).

In questo modo, la procura di Roma riunisce in un solo fascicolo le contestazioni mosse a Francesco Rando, amministratore delegato della società Giovi che gestisce la discarica. I reati ipotizzati sono l’avvelenamento delle falde e la contaminazione dei suoli e l’ipotesi preliminare del sostituto procuratore Alberto Galanti è che l’inquinamento della falda acquifera possa aver influenzato lo stato di salute di quattro persone nella zona della Valle Galeria e che poi si sarebbero ammalate di tumore.

La recente perizia del Politecnico di Torino su incarico del Consiglio di Stato ha accertato che la falda sotto l’area della discarica è sì inquinata, ma ora la Procura vuole chiarire se la responsabilità sia riconducibile soltanto al percolato proveniente dai rifiuti o anche all’incenerimento dei scarti ospedalieri e farmaci scaduti effettuato dall’impianto Ama e alle emissioni inquinanti della raffineria limitrofa. Non si parlerebbe infatti solo di tumori: una relazione epidemiologica dell’Asl di Roma ha evidenziato un aumento delle malattie cardiovascolari nelle donne e dell’apparato respiratorio negli uomini.

D’altronde, già nel 2011 l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) aveva rilevato che “l’area di Malagrotta è sede di molteplici attività antropiche” e che “diversi sono i principali inquinanti e le fonti di origine”.

In pratica, la colpa delle patologie e delle morti non sarebbe solo del percolato ma anche di una eventuale corresponsabilità di altri fonti di inquinamento derivanti dagli impianti Ama e Raffineria. Ora speriamo solo in tempi di inchiesta ragionevoli.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Malagrotta: 100mila alberi al posto della discarica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook