Lancia frigorifero dalla scarpata e se ne vanta sul web. Multa di 45 mila euro e obbligo di andarlo a recuperare

frigorifero-scarpata

Questo episodio di totale inciviltà arriva dalla Spagna dove un uomo ha lanciato un frigorifero da una scarpata e ha pensato bene di riprendere la sua bravata come se fosse una cosa di cui vantarsi. L’idea però gli è costata cara dato che la Guardia Civile l’ha individuato e gli ha recapitato una multa salata!

Come potete vedere dal video, twittato dalla Guardia Civile spagnola, come sfondo a queste brutte immagini c’è anche una battuta. Si sente infatti: “riciclando…amo riciclare“, davvero infelice se pensiamo all’inquinamento che sta devastando il nostro pianeta.

Il video è diventato virale ma non è piaciuto affatto, e tanto meno ha divertito, le tante persone che l’hanno visto sui social e segnalato alle autorità.

L’episodio è avvenuto nella zona di Almeria, in Andalusia e non è stato l’unico. Lo stesso uomo, infatti, ha abbandonato pochi giorni prima allo stesso modo anche una lavatrice. E’ stato però individuato proprio grazie ai video che lui stesso, con l’aiuto di un complice, ha girato.

Si tratta tra l’altro di un dipendente di un negozio di elettrodomestici, trovato grazie ad un’indagine della Guardia Civile locale che gli ha imposto di andare a recuperare l’elettrodomestico lanciato.

Ora l’uomo, oltre ad aver perso il posto di lavoro, si è visto anche recapitare una multa da 45mila euro per reato ambientale! Sicuramente avrà smesso di fare lo spiritoso!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

tuvali
seguici su Facebook