La Cina vieta l’uso di sacchetti di plastica e cannucce nelle città. Monouso al bando dal 2025

La Cina ha deciso di eliminare gradualmente la plastica monouso, a cominciare dai sacchetti di plastica, che saranno banditi nelle principali città del paese entro la fine di quest’anno.

La Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme (NDRC) cinese ha dichiarato che la produzione e l’uso di un gran numero di materie plastiche monouso saranno gradualmente eliminati in tutto il paese da qui al 2025.

Riducendo la produzione, la vendita e l’uso di prodotti in plastica, la Cina cerca di affrontare il gravissimo problema dei rifiuti di plastica che vengono sepolti nelle discariche e che finiscono per soffocare il terreno, i corsi d’acqua e gli oceani.

Si tratta di una decisione importante, poiché la Cina è uno dei maggiori responsabili dell’inquinamento causato dai rifiuti di plastica, insieme a Indonesia, Filippine, Vietnam e Thailandia.

Secondo un rapporto dell’UNEP, il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, oltre la metà della plastica presente negli oceani arriva da questi paesi e risolvere il problema dei rifiuti di plastica nel Sud-est asiatico è indispensabile per risolverlo in tutto il mondo.

Fortunatamente, i governi stanno rispondendo alla necessità di ridurre i rifiuti: anche la Thailandia ha recentemente deciso di vietare l’uso dei sacchetti di plastica e di avviare una campagna di sensibilizzazione contro la plastica monouso.

Ora tocca alla Cina che, dopo i sacchetti, ha intenzione di eliminare le cannucce monouso e di ridurre del 30% l’utilizzo di plastica monouso nella ristorazione entro il 2025. Altri interventi sono in atto nel settore medico, in quello logistico e in agricoltura.

Contemporaneamente il paese si sta impegnando ad aumentare il tasso di riciclo dei rifiuti per garantire che sempre più plastica venga recuperata e riutilizzata.

Leggi anche:

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Coop

Da Coop audiolibri, abbonamenti a giornali, ebook e video offerti per trascorrere meglio il lockdown chiusi in casa

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook