Thilafushi, bomba tossica: l’isola-discarica delle Maldive

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maldive, Thilafushi. Pensiamo subito a un luogo incontaminato. Così era 25 anni fa, prima che questa splendida laguna venisse trasformata in una discarica e prima che i rifiuti iniziassero a vagare per il mare cristallino di questo splendido arcipelago.

Thilafushi fa parte dell’atollo di Kaafu e dista appena 7 km dalla capitale Malè. Nacque per volere del governo locale nel 1992. La laguna venne trasformata in una discarica per affrontare il crescente problema dello smaltimento dei rifiuti prodotti dall’industria del turismo. Dopo circa un mese, iniziò ad arrivare la spazzatura.

Furono scavati enormi pozzi nella sabbia e lì furono confinati i rifiuti provenienti da Male e dalle altre isole abitate dell’arcipelago della Maldive. Rispetto alle altre discariche, a Thilafushi la spazzatura viene relegata tra il mare e sottili strati di sabbia bianca, ricoperta da uno strato di detriti di costruzione e poi dalla sabbia.

Una scelta davvero poco felice. Sull’isola centinati di immigrati lavorano senza protezione nel trattamento e nella combustione dei rifiuti. Quantità che oggi arrivano fino a 330 tonnellate al giorno. Qui infatti vengono stoccati sia i rifiuti prodotti dagli abitanti della capitale Malè che dai circa 100 resort delle Maldive.

thilafushi

Oggi, ci sono oltre 30 fabbriche a Thilafushi, una moschea e case per i circa 150 migranti del Bangladesh che lavorano alla discarica.

LEGGI ANCHE: LE SCONCERTANTI IMMAGINI DEI RIFIUTI IN PLASTICA NEL MARE

Alcuni rifiuti purtroppo sono ora alla deriva nell’oceano per poi ritornare sulle spiagge, inquinandole e danneggiando il delicato ecosistema.

Per Bluepeace, il principale movimento ecologico delle Maldive, l’isola è una “bomba tossica”.

Ali Rilwan, ambientalista di Malé, ha rivelato che batterie esauste, amianto, piombo e altri rifiuti potenzialmente pericolosi vengono mescolati ai rifiuti solidi urbani.Anche se è una piccola frazione del totale, questi rifiuti sono una fonte di metalli pesanti tossici.

LEGGI ANCHE: LE 10 TERRIBILI FOTO SULL’INQUINAMENTO CHE CI SPINGERANNO A RICICLARE

A dicembre 2011 il Consiglio Comunale di Malé aveva temporaneamente vietato il trasporto di rifiuti a Thilafushi a causa di un aumento dei rifiuti galleggianti nella laguna dell’isola e alla deriva in mare.

Tristezza infinita.

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook